Un soggiorno all’insegna del benessere, dell’autonomia e della cultura

Favorire occasioni di benessere alle persone, potenziarne le prestazioni fisiche grazie alle attività sportive, rafforzarne e stimolarne le capacità comunicative ed espressive: sono gli obiettivi della “Settimana Giovani 2018”, in corso a Rivabella di Rimini, a cura del Comitato Regionale Giovani dell’UICI, fino al 30 giugno, cui partecipano quindici villeggianti con disabilità visiva di tutte le età, da soli oppure in compagnia di amici, familiari o conoscenti. E non saranno solo giorni di mare, sabbia e sole, essendo previste anche gite al Museo Omero di Ancona, a San Marino e a San Leo

Persone con disabilità visiva in vacanza al mare

Persone con disabilità visiva in vacanza al mare

«Alla base di questa vacanza ci sono diversi obiettivi che si vogliono raggiungere, fra cui la volontà di favorire nuove occasioni di benessere alle persone che vi hanno aderito; potenziare le prestazioni fisiche grazie alle attività sportive; rafforzare e stimolare le capacità comunicative ed espressive. Il mare sarà un elemento fondamentale per il raggiungimento del benessere psico-fisico durante una settimana da trascorrere nel pieno della serenità, curiosità e convivialità, e in cui sarà impossibile annoiarsi. Una vacanza ricca di stimoli, che diventerà l’occasione per fare nuove amicizie, migliorando di conseguenza la propria vita relazionale, condividendo esperienze e momenti di aggregazione, crescendo e aiutando gli altri, indipendentemente dalla capacità visiva e dalla storia personale di ognuno».
Così dal Consiglio Regionale UICI dell’Emilia Romagna (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) viene presentata la Settimana Giovani 2018, che ha preso il via a Rivabella di Rimini, a cura del Comitato Regionale Giovani dell’UICI, e che coinvolgerà fino al 30 giugno quindici villeggianti tra i 25 e i 65 anni, con disabilità visiva (non vedenti o ipovedenti), da soli oppure in compagnia di amici, familiari o conoscenti.

«Questo soggiorno – sottolinea Roberto Franchi, coordinatore regionale giovani dell’UICI Emilia Romagna –  non è solo una vacanza al mare, ma offre la preziosa opportunità di sviluppare l’autonomia personale che ogni persona con disabilità visiva deve riuscire a conquistare. I partecipanti provengono da varie Regioni d’Italia, sia dal Nord che dal Sud e l’Emilia Romagna ha il maggior numero di adesioni. La scelta è ricaduta su una struttura ricettiva di Rivabella perché tra i suoi punti di forza vanta qualità e varietà delle attrezzature e dei servizi, la presenza di un personale professionale e disponibile e un’accessibilità agli spazi facile e sicura. Infatti, sia gli ambienti interni che quelli esterni, nell’area dell’hotel, permettono di muoversi in sicurezza e in autonomia. La struttura alberghiera si trova sul mare, non ci sono attraversamenti stradali per raggiungere la spiaggia ed è situata in una zona a traffico limitato che la sera diventa area pedonale, così da poter uscire e passeggiare in tranquillità, senza il pericolo di macchine o motorini».

Non saranno per altro solo giorni di mare, sabbia e sole, dal momento che sono in programma anche alcune preziose opportunità culturali, ovvero due escursioni con visite guidate, rispettivamente al Museo Tattile Statale Omero di Ancona e ai borghi medioevali di San Marino e San Leo. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Marzia Mecozzi (Audio Tre), m.mecozzi@audiotre.com.

Stampa questo articolo