Quello Sportello d’Ascolto è un punto di riferimento per la disabilità visiva

Nato circa un anno fa, lo Sportello d’Ascolto del Presidio UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) di Sant’Anastasia e Paesi Vesuviani (Napoli), supporta, assiste e coadiuva i propri Soci con disabilità visiva, non solo nel disbrigo di pratiche, ma anche rispondendo a molteplici problematiche di natura morale, sociale e psicologica. Tutto ciò lo hanno reso un vero e proprio punto di riferimento per le persone videolese e per le loro famiglie. «La fiducia che ci viene conferita – sottolineano dall’Associazione – è un pungolo per migliorare sempre più»

Particolare di persona non vedente o ipovedente, con il bastone biancoNato circa un anno fa, lo Sportello d’Ascolto del Presidio UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) di Sant’Anastasia e Paesi Vesuviani (Napoli), supporta, assiste e coadiuva i propri Soci con disabilità visiva, non solo nel disbrigo di pratiche, ma anche nel rispondere alle molteplici problematiche di natura morale, sociale e psicologica, legate alla situazione di disabilità.
Nei giorni scorsi l’organizzazione ha ricevuto la visita di Raffaele Abete, sindaco di Sant’Anastasia, che ha assicurato il proprio impegno attivo nella realizzazione di tutte quelle iniziative che possano favorire l’autonomia delle persone minorate della vista, per un dignitoso inserimento sociale delle stesse.
«Per l’occasione – spiegano dall’Associazione – abbiamo parlato anche del PEI (Piano Educativo Individualizzato) e della “Carta della qualità del servizio pubblico postale”. Ogni lunedì, per altro, affrontiamo argomenti diversi, soffermandoci sulle principali leggi che tutelano i diritti delle persone con disabilità visiva, rendendo così note tutte quelle norme di cui spesso si ignora l’esistenza».
«Presso il nostro Sportello d’Ascolto – aggiungono – confluiscono svariate figure professionali pronte a rispondere alle esigenze dei Soci e per tale motivo, lo Sportello è diventato un vero e proprio punto di riferimento per le persone videolese e per le loro famiglie. Questo ci rende fieri del nostro operato e la fiducia che ogni volta ci viene conferita fa da pungolo per migliorare sempre più». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uici.anastasia@gmail.com.

Stampa questo articolo