“Fascino a rotelle”: un premio al “suono dell’accessibilità”

È proprio il caso di usare questa formula per segnalare che il 15 luglio a Pescara saranno i deejay ad assegnare un premio a “Fascino a rotelle”, l’opera teatrale scritta, diretta e interpretata da Dario Scarpati e liberamente ispirata a Simona Petaccia, giornalista con disabilità motoria in carrozzina, presidente dell’Associazione abruzzese Diritti Diretti, nata con l’obiettivo di «passare un colpo di spugna su tutte quelle convenzioni sociali che dipingono le persone con disabilità come “poveretti da compatire” o come “single per scelta di qualcun altro”»

Simona Petaccia con il cast di "Fascino a rotelle"

Simona Petaccia, che ha ispirato l’opera teatrale “Fascino a rotelle”, tra coloro che l’hanno scritta e interpretata

Il 15 luglio, durante DjK Summer, Live Show gratuito in spiaggia presso l’Arena del Mare di Pescara, patrocinato dall’Assessorato Comunale ai Grandi Eventi e organizzato dalla Best Eventi, l’Associazione DjK premierà Fascino a rotelle, l’opera teatrale andata in scena per la prima volta a Palermo nel maggio scorso – come avevamo ampiamente riferito a suo tempo – scritta, diretta e interpretata da Dario Scarpati e liberamente ispirata a Simona Petaccia, giornalista con disabilità motoria in carrozzina, presidente dell’Associazione abruzzese Diritti Diretti, nata con l’obiettivo di «passare un colpo di spugna su tutte quelle convenzioni sociali che dipingono le persone con disabilità come “poveretti da compatire” o come “single per scelta di qualcun altro”».
«Indipendentemente dalle differenze professionali – commenta Petaccia – questo premio può essere riassunto in quattro parole: “Noi crediamo in te!”. E questo vale molto per me e per tutti gli attori della Compagnia in Valigia che ha messo in scino Fascino a rotelle, ovvero Dario Scarpati, Laura Gestivo, Lucio Cucinotta e Francesca Vaglica».
«Anche per Diritti Diretti – aggiunge poi – è un riconoscimento che vuol dire molto. Significa infatti che siamo riusciti a far passare due concetti fondamentali: l’accessibilità riguarda tutti e crea sorrisi; da soli possiamo fare poco, ma insieme possiamo fare tanto. La nostra Associazione, del resto, ha sempre creduto nel potere delle contaminazioni fra vari settori. Non a caso il nostro motto è “Dipende da te!”, perché crediamo che, se ognuno mette a disposizione le proprie competenze, l’accessibilità riuscirà a diffondersi molto più velocemente. Sono quindi felice di ricevere un premio dai deejay perché ritengo che il lavoro di squadra riesca a dividere i compiti e a moltiplicare il successo». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@dirittidiretti.it.

Stampa questo articolo