Parcheggi liberi per le persone con disabilità in tutta Italia: una petizione

Rivolgendosi direttamente a tutte le Amministrazioni Comunali del nostro Paese, l’Associazione Blindsight Project ha lanciato una petizione nel web, chiedendo ai Comuni stessi di «considerare la possibilità di rendere gratuito il parcheggio alle auto con contrassegno per disabili, come da DPR 151 del 2012, che permette sì alle singole Amministrazioni Comunali di concedere la gratuità dei parcheggi se il contrassegno per disabili viene ben esposto all’interno dell’auto, ma non li obbliga a farlo»

Auto parcheggiata con contrassegno CUDERivolgendosi direttamente a tutte le Amministrazioni Comunali del nostro Paese, l’Associazione Blindsight Project ha lanciato una petizione nel web (raggiungibile a questo link), cui tutti possono aderire, chiedendo ai Comuni stessi di «considerare la possibilità di rendere gratuito il parcheggio alle auto con contrassegno per disabili, come da comma 5 dell’articolo 1 del DPR 151 del 30 luglio 2012, che permette sì alle singole Amministrazioni Comunali di concedere la gratuità dei parcheggi se il contrassegno per disabili viene ben esposto all’interno dell’auto, ma non li obbliga a farlo».
«Questo vuol dire – aggiungono da Blindsight Project – che in un Comune si può parcheggiare con contrassegno disabili gratuitamente, nel caso i parcheggi dedicati siano occupati, in un altro no, e si potrebbe anche ricevere una sanzione».
«Ricordando a tutti che la disabilità non è uno stile di vita, ma una condizione che non si può cambiare – conclude l’Associazione promotrice dell’iniziativa -, auspichiamo che ogni Comune italiano che ancora non lo fa renda gratuiti i parcheggi a tutti coloro che espongono il contrassegno per disabili, se la persona disabile è trasportata dall’auto da parcheggiare. Ciò renderebbe la nostra Nazione meno disomogenea, in particolar modo per chi è disabile e guida, o per i familiari (soprattutto genitori) di persone disabili». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: mobility@blindsight.eu.

Stampa questo articolo