Giovani adulti che vogliono continuare a leggere

Giovani adulti che, avendo già utilizzato il modello INBook da bambini, si ritrovano, crescendo, privi di strumenti utili a continuare le loro letture: a loro si rivolge l’editore La Meridiana, con la collana “Parimenti. Proprio perché cresco”, fatta appunto di libri in simboli accessibili (INBook), dedicati a chi si rapporta con difficoltà ai testi tradizionali, a causa di disabilità linguistiche o cognitive. Dopo la prima uscita (il “Diario di Anna Frank”), la collana si arricchisce ora della pubblicazione in simboli di “Dracula”, classico della letteratura gotica di Bram Stoker

Copertina di "Dracula" in versione INBook

La copertina della versione di “Dracula” in simboli accessibili (INBook), recentemente pubblicata dalla Meridiana

Giovani adulti che, avendo già utilizzato il modello INBook da bambini, si ritrovano, crescendo, privi di strumenti utili a continuare le loro letture: è a loro che si rivolge l’editore La Meridiana con la collana denominata “Parimenti. Proprio perché cresco”, fatta appunto di libri in simboli accessibili (INBook), dedicati a chi si rapporta con difficoltà ai testi tradizionali, a causa di disabilità linguistiche o cognitive. Un’iniziativa, questa, che aveva preso il via tra la fine del 2017 e l’inizio di quest’anno, con la supervisione del Centro Studi Inbook e la collaborazione dell’Associazione L’Arche L’Arcobaleno di Quarto Inferiore di Granarolo (Bologna) e del CDH (Centro Documentazione Handicap) di Bologna.
La prima uscita – presentata pubblicamente in occasione del Giorno della Memoria del 27 gennaio, come avevamo riferito a suo tempo – ha riguardato il Diario di Anna Frank. Ora, nel luglio scorso, la collana della Meridiana si è arricchita della versione in simboli di Dracula, il classico della letteratura gotica di Bram Stoker, che ha reso celebre la figura del Conte Dracula. Il testo, opportunamente ridotto e adattato, è arricchito dalle illustrazioni di Melissa Ottonello Ferrati in stile graphic novel.
In questi mesi, va anche ricordato, La Meridiana e le Associazioni promotrici del progetto hanno collaborato con l’AIB (Associazione Italiana Biblioteche), con il già citato Centro Studi INBook, con la Rete delle Biblioteche INBook, con Coop Alleanza 3.0, oltreché con Comuni e Associazioni dalla Puglia alla Lombardia, per diffondere il modello INBook e formare bibliotecari, docenti ed educatori all’utilizzo di questo strumento. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@lameridiana.it.

Stampa questo articolo