La Casa Arcobaleno, per sviluppare nuove autonomie domestiche e relazionali

Verrà inaugurata domani, 14 settembre, a Pescia (Pistoia), la Casa Arcobaleno, un nuovo alloggio voluto per sperimentare il cosiddetto “Durante e Dopo di Noi”, nato dall’impegno della locale Amministrazione Comunale, che ha destinato due alloggi alla Fondazione Mai Soli, trasformati da quest’ultima in un unico appartamento per l’autonomia. In particolare, nella struttura verrà realizzato il progetto denominato “Provo il weekend e… mi piace”, che coinvolgerà varie persone con disabilità adulte, in attività finalizzate a sviluppare nuove autonomie domestiche e relazionali

Pescia (Pistoia), logo della Casa Arcobaleno

Il logo della Casa Arcobaleno di Pescia (Pistoia)

Verrà inaugurata domani, 14 settembre, a Pescia (Pistoia), la Casa Arcobaleno, un nuovo alloggio per sperimentare il cosiddetto “Durante e Dopo di Noi”.
L’iniziativa nasce dall’impegno di più soggetti: il Comune di Pescia ha destinato due alloggi alla Fondazione Mai Soli, la quale ha provveduto a trasformarli in un unico appartamento per l’autonomia, e ad arredarli (anche grazie al contributo della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia).
In particolare, nella Casa Arcobaleno verrà realizzato Provo il weekend e… mi piace, un progetto che prevede il coinvolgimento di diverse persone con disabilità adulte (cinque per ogni turno), che saranno accolte per un giorno o per l’intero fine settimana e, con il supporto di operatori specializzati, potranno svolgere attività finalizzate a sviluppare nuove autonomie domestiche e relazionali.
Quest’ultima iniziativa fa parte di un più ampio progetto denominato Io ci provo… e mi piace, che la Fondazione Mai Soli ha realizzato assieme ad altri soggetti del privato sociale, e la partecipazione della Società della Salute Valdinievole.

È quasi superfluo ricordare che il tema del “Durante e Dopo di Noi” è uno dei più rilevanti e sentiti dalle famiglie nelle quali vi siano persone con gravi disabilità, e la Casa Arcobaleno va ad aggiungersi ad altre opportunità abitative già presenti sul territorio della Valdinievole.
Esse sono state create per promuovere una politica all’insegna dell’“abitare diffuso”, che consiste nel cercare di mantenere le persone con disabilità nel proprio contesto sociale, creando nei loro territori realtà accoglienti e di dimensioni familiari.

La Casa Arcobaleno può contare sul cofinanziamento dei soggetti attuatori, sui fondi nazionali stanziati dalla Legge 112/16 (la cosiddetta “Legge sul Dopo di Noi”), e su fondi della Regione Toscana.
All’inaugurazione di domani (Via Provinciale Lucchese, 96, localita Dogana, Ponte all’Abate, ore 18), è prevista, tra gli altri, anche la presenza dell’assessore al Welfare della Regione Toscana Stefania Saccardi e del sindaco di Pescia Oreste Giurlani. (Simona Lancioni)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@fondazionemaisoli.it.
La presente nota costituisce il riadattamento di un testo già apparso nel sito di Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (Pisa). Per gentile concessione.

Stampa questo articolo