Alessandro Bergonzoni: vent’anni al fianco della Casa dei Risvegli

Sono in mostra a Bologna i manifesti e gli spot realizzati dal 1999 a oggi da Alessandro Bergonzoni, in favore della Casa dei Risvegli Luca De Nigris, l’innovativo centro pubblico di assistenza e ricerca rivolto a persone con esiti di coma e stato vegetativo. In tal senso, il noto attore, comico, scrittore e artista è certamente uno dei casi più longevi di un testimonial unito a una causa sociale. L’esposizione si protrarrà fino al 7 ottobre, data che coinciderà con la ventesima Giornata dei Risvegli per la Ricerca sul Coma – Vale la Pena, evento promosso dall’Associazione degli Amici di Luca

Immagine di Alessandro Bergonzoni

L’immagine di Alessandro Bergonzoni che appare nel manifesto di “Essere o Essere”, campagna di quest’anno in favore della Casa dei Risvegli Luca De Nigris di Bologna

Sarà aperta fino al 7 ottobre, ovvero fino alla data che coinciderà a Bologna con la ventesima edizione della Giornata dei Risvegli per la Ricerca sul Coma – Vale la Pena, la mostra intitolata Alessandro Bergonzoni venti anni di pubblicità sociale, presso la Manica Lunga di Palazzo D’Accursio (Piazza Maggiore, 6, Bologna).
A promuovere ormai tradizionalmente la Giornata Nazionale Vale la Pena – che sarà anche la quarta Giornata Europea dei Risvegli, con il patrocinio del Parlamento Europeo e nel cui àmbito si inserisce anche la raccolta/esposizione dedicata a Bergonzoni – è l’Associazione bolognese degli Amici di Luca. Ma in che cosa consiste esattamente la mostra di questi giorni?
Essa raccoglie in sostanza tutti i manifesti e gli spot televisivi realizzati dal 1999 a oggi dall’attore, comico, scrittore e artista Alessandro Bergonzoni, testimonial “storico” della Casa dei Risvegli Luca De Nigris, per la regia di Riccardo Rodolfi, e con il patrocinio di Pubblicità Progresso. Tutte testimonianze di volta in volta mandate in onda sulle reti nazionali e nei circuiti cinematografici.
È infatti proprio dal ’99 che Bergonzoni continua con la sua campagna sociale l’opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle persone in coma e sulla necessità di diffondere anche in Europa buone pratiche, a partire dalla citata Casa dei Risvegli Luca De Nigris, l’innovativo centro pubblico di assistenza e ricerca, rivolto a persone con esiti di coma e stato vegetativo.
Quest’anno Bergonzoni ha coniato lo slogan Essere o Essere, che è anche oggetto del nuovo spot realizzato per l’occasione.

«Festeggiamo quest’anno i venti anni di una manifestazione che nacque nel 1998 proprio dopo la morte di Luca – dice Fulvio De Nigris, direttore del Centro Studi per la Ricerca sul Coma degli Amici di Luca e fondatore di quest’ultima Associazione insieme a Maria Vaccari, mamma di Luca, che ne è la Presidente». «Sin da subito – prosegue – Alessandro Bergonzoni si unì a noi per sostenerci, sull’onda di una grande solidarietà che coinvolse e coinvolge molte personalità della società civile. Credo che lui sia certamente uno dei casi più longevi di un testimonial unito a una causa sociale e il suo impegno è ben documentato dalla mostra di questi giorni, allestita presso la sede del del Comune di Bologna, che raccoglie tutte le campagne sociali realizzate in questi anni».

Soffermandosi poi sull’ormai prossima Giornata dei Risvegli – della quale torneremo certamente a parlare nel nostro giornale – De Nigris sottolinea innanzitutto che «vent’anni non sono pochi, sia per impegno che costanza. Ancora una volta, con questa nuova edizione della Giornata dei Risvegli, ribadiremo lo stile di vita delle persone con esiti di coma e in stato vegetativo, persone che hanno percorsi di cura complessi non ancora standardizzati e per questo ancora a rischio di forte emarginazione. I punti di forza di questa nuova edizione dell’evento saranno nella “centralità dell’essere” e nella prospettiva dell’avere: maggiori servizi, maggiori ricerche, maggiori attenzioni. Tutto ciò guardando alla necessaria alleanza internazionale intorno alle persone in stato vegetativo o con esiti di coma, a partire dal modello tutto italiano della Casa dei Risvegli Luca De Nigris dell’Azienda USL di Bologna, nata nell’ottobre del 2004 dalla collaborazione con Gli Amici di Luca. Un centro di riabilitazione e ricerca, un progetto sostenuto e condiviso dal Comune di Bologna, rivolto a persone con esiti di coma e stato vegetativo e basato su una filosofia di cura che valorizza il ruolo della famiglia». (S.B.)

A questo link sono disponibili le immagini delle campagne di Alessandro Bergonzoni per la Casa dei Risvegli Luca De Nigris di Bologna. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@amicidiluca.it.

Stampa questo articolo