Il sedicesimo “FIABADAY”

Verrà presentato domani, 4 ottobre, a Roma il sedicesimo “FIABADAY”, la Giornata Nazionale per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche, in programma per il 7 ottobre, sempre nella Capitale, a cura della ONLUS FIABA, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio. Per l’occasione verrà dato spazio anche alla campagna di sensibilizzazione di FIABA, denominata “Superiamo i nostri limiti per sviluppare la cultura della qualità”

"FIABADAY"

Un’edizione degli anni scorsi del “FIABADAY” a Roma

Verrà presentato domani, giovedì 4 ottobre a Roma, nel corso di una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio (Via Santa Maria in Via, 37, ore 11), il sedicesimo FIABADAY, la Giornata Nazionale per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche, in programma per domenica 7 ottobre, sempre a Roma (Piazza Colonna, ore 10-19), a cura della ONLUS FIABA, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio.

Alla presentazione – moderata dal giornalista Marco Finelli – parteciperanno Lorenzo Fontana, ministro per la Famiglia e le Disabilità; Roberto Chieppa, segretario generale della Presidenza del Consiglio; l’ammiraglio ispettore capo Giovanni Pettorino, comandante generale del Corpo delle Capitanerie di Porto; Yevhen Perelygin, ambasciatore dell’Ucraina in Italia; Alma Lama, ambasciatore della Repubblica del Kosovo in Italia; Marialucia Lorefice, presidente della Commissione Affari Sociali della Camera; Cesare Damiano, già ministro del Lavoro; Giuseppe Trieste, presidente di FIABA.

La conferenza stampa sarà anche utile a presentare la campagna di sensibilizzazione denominata Superiamo i nostri limiti per sviluppare la cultura della qualità, che viene presentata così da FIABA: «La nostra ONLUS dedica un’attenzione particolare allo sviluppo di una cultura che vada oltre i limiti attuali, abbattendo ogni barriera fisica e mentale, per favorire la creazione di una società pienamente inclusiva e in cui a tutti siano garantite pari opportunità. Per raggiungere l’obiettivo, infatti, stiamo tracciando un percorso multisettoriale, per affermare una nuova visione che consideri al primo posto la qualità percepita da tutte le persone, che per svilupparsi ha bisogno di un ambiente caratterizzato dalla completa assenza di tracce di discriminazione sociale. Per questo è necessario agire in vari àmbiti, lavorando sui nostri limiti per poter sviluppare una cultura della qualità a beneficio della diversità umana».

Sempre durante l’incontro, verranno sottolineate infine le collaborazioni avviate da FIABA con le Amministrazioni Pubbliche e Private, per la diffusione della cultura dell’Universal Design (progettazione universale) e delle pari opportunità, i risultati raggiunti e gli obiettivi da perseguire. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@fiaba.org.

Stampa questo articolo