Jacopo, giovane con autismo, parteciperà alla “Tiramisù World Cup”

Protagonista di “Cooking 4Autism”, progetto della Fondazione Oltre il Labirinto di Treviso, che prevede l’avviamento di venti persone con autismo, tra i 12 e i 21 anni, a percorsi di lavoro nei laboratori di cucina e pasticceria e delle strutture partner sul territorio, il diciannovenne Jacopo parteciperà in novembre alla seconda “Tiramisù World Cup”, competizione di cucina dedicata ai non professionisti, che ha esordito con grande successo lo scorso anno e che punta a valorizzare il territorio di Treviso e Provincia, grazie ad un’eccellenza gastronomica come il celebre dolce tiramisù

Jacopo, con la scheda di partecipazione alla seconda "Tiramisù World Cup"

Il diciannovenne Jacopo, con la scheda di partecipazione alla seconda “Tiramisù World Cup”

La Tiramisù World Cup ha esordito con grande successo lo scorso anno, coinvolgendo ben 720 partecipanti. È una competizione di cucina dedicata ai non professionisti, con l’obiettivo di valorizzare il proprio territorio grazie ad un’eccellenza gastronomica come il celebre dolce tiramisù. La seconda edizione si svolgerà dall’1 al 4 novembre, sempre in diversi luoghi della Provincia di Treviso, e quest’anno, tra i partecipanti, vi sarà anche Jacopo, diciannovenne giovane con autismo, ma soprattutto con una grande passione per la cucina e il sogno di diventare un importante chef.
Jacopo si è iscritto alla seconda edizione della manifestazione, che potrà diventare un’importante tappa della sua crescita personale, dopo un severo allenamento con lo chef Omar Lapecia Bis, che aveva conosciuto frequentando la Scuola Alberghiera Beltrame di Vittorio Veneto (Treviso), dove si era diplomato.

Il giovane, insieme ad altri seguiti dalla Fondazione Oltre il Labirinto-Per l’Autismo di Treviso, è protagonista del Progetto Cooking 4Autism, che prevede l’avviamento di venti persone con autismo, tra i 12 e i 21 anni, a percorsi di lavoro nei laboratori di cucina e pasticceria e delle strutture partner sul territorio.
«La nostra organizzazione – spiegano infatti da Oltre il Labirinto – ha tra le sue priorità l’assistenza e il supporto di ragazzi con autismo che si avvicinano all’“età critica”, post adolescenziale, dove dal mondo della scuola si entra nel complesso mondo del lavoro e dell’autonomia personale. E tra i diversi progetti di vita, vi è anche quello di avvicinare questi ragazzi a progetti che li possano, in maniera armoniosa e produttiva, portare ad acquisire una professionalità e un possibile inserimento nel mondo del lavoro».

«Siamo molto orgogliosi – dichiara Mario Paganessi, direttore della Fondazione trevigiana – per la partecipazione di Jacopo alla Tiramisù World Cup 2018 e, per noi, comunque vada a finire la gara, lui ha già vinto. A dimostrazione di tutto ciò verrà infatti premiato da Marco Varisco dell’Associazione degli XI di marca, con uno speciale riconoscimento in cristallo prodotto dallo stesso maestro vetraio». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Elena Mattiuzzo (mattiuzzo.elena@gmail.com).

Stampa questo articolo