La sindrome di Down e la pratica dello yoga

«Frequentare una scuola vera e propria di yoga, con la possibilità, dopo un primo corso annuale per porre le basi della disciplina, di partecipare alle lezioni con tutti gli altri appassionati»: è questa la proposta dell’Associazione Vivi Down di Milano, presentata proprio oggi, 24 ottobre, nel capoluogo lombardo, e sostanziata nel progetto denominato “Yoga Down & Up”, che consiste appunto in un corso monosettimanale gratuito di yoga per persone adulte con sindrome di Down

Manifesto di "Yoga Down & Up", Milano, Vivi Down, 24 ottobre 2018«La pratica dello yoga – spiegano dall’Associazione Vivi Down di Milano – aiuta a sviluppare e mantenere mobilità articolare, flessibilità muscolare e controllo della colonna vertebrale, oltreché a muoversi in modo fluido e coordinato. E poi dal corpo lo yoga agisce sul sistema nervoso, calmando, restituendo focus e memoria. Spesso le persone con sindrome di Down non svolgono molta attività fisica e, quando lo fanno, sono per lo più spinti più da motivazioni sociali. Quale motivo, dunque, può essere più interessante che frequentare una scuola vera e propria di yoga, con la possibilità, dopo un primo corso annuale per porre le basi della disciplina, di partecipare alle lezioni con tutti gli altri appassionati?».
È questa l’idea alla base di una nuova sfida lanciata da una volontaria della stessa Vivi Down, presso la palestra Yogamilan (Via Luca Signorelli, 4, Milano) e proprio nel pomeriggio di oggi, 24 ottobre, mentre scriviamo, viene pubblicamente presentato il relativo progetto, che si chiama Yoga Down & Up, e che consiste appunto in un corso monosettimanale gratuito di yoga per persone adulte con sindrome di Down. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@vividown.org (Stella Forti).

Stampa questo articolo