Anche in Valle d’Aosta un Centro di Documentazione sulla disabilità

Fa particolarmente piacere dare proprio oggi, 29 novembre, a un anno esatto dalla scomparsa di Paola Cattelino, donna con disabilità impegnata per tanti anni a diffondere una nuova cultura sulla disabilità, che il 3 dicembre ad Aosta, in corrispondenza con la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, verrà inaugurato il Centro di Documentazione Paola Cattelino, che consentirà anche alla Valle d’Aosta di disporre finalmente di un punto di riferimento documentale sul tema della disabilità, proseguendo sulla strada tracciata dalla stessa Cattelino

Paola Cattelino

Porterà il nome di Paola Cattelino, il nuovo Centro di Documentazione sulla Disabilità della Valle d’Aosta, cercando di seguirne la strada tracciata con il suo costante impegno

Fa particolarmente piacere dare proprio oggi, 29 novembre, a un anno esatto dalla scomparsa di Paola Cattelino, donna con disabilità impegnata per tanti anni a diffondere una nuova cultura sulla disabilità, «avendo compreso – come è stato scritto – che senza una costante comunicazione la vita delle persone con disabilità sarebbe stata soltanto di cura e assistenza», che nel pomeriggio del 3 dicembre prossimo (ore 17.30), in corrispondenza con la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, verrà inaugurato alla Cittadella dei Giovani di Aosta, il Centro di Documentazione Paola Cattelino, che consentirà anche alla Valle d’Aosta di disporre finalmente di un punto di riferimento documentale sul tema della disabilità, proseguendo sulla strada tracciata dalla stessa Cattelino.

Sono numerosi gli Enti impegnati in questo progetto, patrocinato dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta. Si tratta infatti del CodiVda (Coordinamento Disabilità Valle d’Aosta), dell’Università della Valle d’Aosta, della Cooperativa Sociale C’era l’Acca, del CSV (Coordinamento Solidarietà Valle d’Aosta), dell’INAIL e della Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta. L’iniziativa, inoltre, verrà supportata a livello nazionale dal Centro Studi Prisma di Belluno, nonché dalla FISH (Federazione Italiana Superamento Handicap).

Condotto e moderato dalla giornalista Nathalie Grange, l’incontro del 3 dicembre, durante il quale verrà inaugurato il nuovo Centro, sarà aperto dai saluti delle Autorità. A presentare poi l’iniziativa sarà Fabrizio Cassella, rettore dell’Università della Valle d’Aosta, seguito da Roberto Grasso (Codivda), Luigino Vallet (Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta), Claudio Latini (CSV), Giuseppe Villani (INAIL), Maria Cosentino, Eloisa Giachino e Ibrahim Tamditi (C’era l’Acca).
Successivamente è previsto un collegamento video con Donata Pagetti Vivanti, presidente della FISH Toscana, membro della Giunta Esecutiva Nazionale FISH e già presidente dell’EDF (European Disability Forum), che dialogherà con Corrado Adamo, dirigente della Regione Autonoma Valle d’Aosta.
La parte conclusiva dell’incontro sarà dedicata a una riflessione musicata con Bobo Pernettaz, Roberto Contardo e Alberto Faccini (tre i brani previsti: L’uomo che voleva volare, Il pittore di montagna e Storia di uno sguardo), prima di un buffet curato da “Il cielo in una pentola”, percorso sperimentale di avvicinamento al lavoro per le persone con disabilità. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ceralaccaturismo@gmail.com.

Stampa questo articolo