Accessibilità, inclusività e app per smartphone

Un nuovo incontro dedicato al tema dell’accessibilità e dell’inclusività nel campo della progettazione e dello sviluppo delle tecnologie digitali e in particolar modo delle app per smartphone, è in programma per domani, 6 dicembre, a cura della Apple Developer Academy dell’Università Federico II di Napoli e dell’UICI di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), in collaborazione con la Commissione Nazionale Ausili e Tecnologie e Accessibilità dell’UICI stessa

Utilizzo di uno smartphone da parte di una donna non vedente

Utilizzo di uno smartphone da parte di una donna non vedente

Dopo quello dell’estate scorsa presso l’UICI di Napoli (Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti), di cui avevamo riferito a suo tempo, un nuovo incontro dedicato al tema dell’accessibilità e dell’inclusività nel campo della progettazione e dello sviluppo delle tecnologie digitali e in particolar modo delle app per smartphone, è stato organizzato per domani, giovedì 6 dicembre, dalla Apple Developer Academy dell’Università Federico II di Napoli e dalla stessa UICI di Napoli, in collaborazione con la Commissione Nazionale Ausili e Tecnologie e Accessibilità dell’UICI (Apple Developer Academy dell’Università Federico II di Napoli, Corso Nicolangelo Protopisani, San Giovanni a Teduccio, Napoli, ore 14).

«Nel corso degli ultimi due anni – spiegano dall’UICI di Napoli – la Apple Developer Academy ha instaurato un dialogo la nostra organizzazione, vedendo alcuni dei suoi studenti e studentesse impegnati nella realizzazione di apps per iPhone, con una specifica attenzione alle necessità delle persone non vedenti o ipovedenti. Nel corso dell’incontro di domani verranno discussi alcuni degli aspetti più interessanti di questo percorso di collaborazione e affrontati i temi più urgenti riguardanti il rapporto tra tecnologie e accessibilità. Verranno inoltre presentate le quattro App sviluppate dagli studenti dell’Academy, in collaborazione con la nostra Associazione, vale a dire Chromnia, QRecord, Audiograph e Dusk, ognuna delle quali ha saputo fornire soluzioni tecnologiche originali ed efficaci». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uicna@uiciechi.it.

Stampa questo articolo