Un premio alle ricerche e agli studi sulla sordità

A partire dal 2015, il Pio Istituto dei Sordi di Milano aveva promosso per tre anni consecutivi il “Premio Don Giulio Tarra: ricerche e studi per la sordità”, in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano. L’iniziativa è stata poi rinnovata con un secondo ciclo a cadenza biennale, che esordisce proprio quest’anno. Destinatari sono gli studiosi delle discipline scientifiche ed accademiche (pedagogiche, mediche, linguistiche, psicologiche, sociologiche, storiche, ingegneristiche, informatiche ecc.) che abbiano svolto indagini e prodotto lavori scientifici sul tema della sordità

Don Giulio Tarra

Don Giulio Tarra, che diresse l’Istituto dei Sordomuti di Milano dal 1855 al 1889 e al quale è intestato l’omonimo premio assegnato dal Pio Istituto dei Sordi

Come avevamo riferito a suo tempo, nel 2015 il Pio Istituto dei Sordi di Milano, in occasione del 160° anniversario dalla sua fondazione, aveva istituito per tre anni consecutivi il Premio Don Giulio Tarra: ricerche e studi per la sordità, in collaborazione con il Centro di Ricerca sulle Relazioni Interculturali dell’Università Cattolica di Milano.
L’iniziativa è stata poi rinnovata con un secondo ciclo a cadenza biennale, che esordisce proprio quest’anno (verrà ripresa nel 2021 e nel 2023).
Intitolato a colui che nell’Ottocento fu figura di spicco per l’attenzione e la cura dei bambini poveri sordomuti delle campagne (se ne legga ampiamente nel box in calce), il premio è destinato a studiosi delle discipline scientifiche ed accademiche (pedagogiche, mediche, linguistiche, psicologiche, sociologiche, storiche, ingegneristiche, informatiche ecc.) che abbiano svolto indagini e prodotto lavori scientifici sul tema della sordità.
Tre le sezioni previste alle quali si può partecipare fino al 31 marzo prossimo: Monografie e curatele di volumi contenenti uno o più capitoli del curatore; Articoli e capitoli di libri; Strumenti (libri, app, software ecc.). (S.B.)

A questo e a questo link sono disponibili rispettivamente il Bando e il Regolamento del Premio Tarra 2019. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@pioistitutodeisordi.org.

Don Giulio Tarra
«Sacerdote ed educatore, nato a Milano nel 1832, vi ricoprì la carica di direttore dell’Istituto dei Sordomuti, dal 1855 fino al 1889, anno della sua morte, seguendo dapprima il metodo dell’abate Charles-Michel de l’Épée, basato sulla trascrizione in lingua scritta della mimica convenzionale, e successivamente il metodo orale. Fu autore dei Cenni storici e compendiosa esposizione del metodo seguito per l’istruzione dei sordomuti (1880) e scrisse numerose opere, molto diffuse, anche per i fanciulli non sordomuti, tra cui Il libro dei bambini (1861), Patria e famiglia (1862), Dialoghi familiari e scenici (1876), Racconti di una madre ai suoi figli (1877) e Serate liete (1885). Una raccolta di suoi Scritti pedagogici fu pubblicata postuma nel 1934».
Così l’Enciclopedia Treccani tratteggia la biografia di colui al quale è intitolato il Premio Don Giulio Tarra: ricerche e studi per la sordità, che per tanti anni, dunque, diresse quello che oggi è il Pio Istituto dei Sordi di Milano.
Nel 2014 alla figura di don Tarra – come riferito a suo tempo anche su queste pagine – è stato dedicato il libro «Fatti per arte parlanti». Don Giulio Tarra e l’educazione dei sordomuti nella seconda metà dell’Ottocento, pubblicato da EDUCatt (Ente per il Diritto allo Studio Universitario dell’Università Cattolica) e scritto dalla pedagogista dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Anna Debè.

Stampa questo articolo