L’asino, animale particolarmente adatto al lavoro terapeutico-relazionale

È imminente a Casa Sebastiano – il Centro Specialistico per disturbi dello spettro autistico di Coredo in Val di Non (Trento), voluto dalla Fondazione Trentina per l’Autismo – l’avvio di un progetto di onoterapia, l’intervento assistito con l’asino, animale ritenuto particolarmente idoneo al lavoro terapeutico-relazionale. Il corso di formazione per “coadiutore dell’asino” si terrà infatti dal 13 al 17 febbraio, presso la struttura trentina, mentre la parte pratica è in programma in Abruzzo dal 17 al 19 maggio, presso il Centro Asinomania di Introdacqua (l’Aquila)

Una bimba e un asinello«Perché l’asino? Da sempre vicino all’uomo, è un animale placido e poco irruente: si avvicina con curiosità, prudenza e delicatezza, da subito regala accoglienza e affidabilità. La taglia ridotta, la pazienza, la morbidezza, la lentezza di movimento e la tendenza ad andature monotone consentono all’utente di avvicinarsi con tranquillità e instaurare un rapporto in tutta sicurezza».
È partendo da tale consapevolezza, che Casa Sebastiano, il Centro Specialistico per disturbi dello spettro autistico, avviato a Coredo in Val di Non (Trento), dalla Fondazione Trentina per l’Autismo, ha avviato un progetto di onoterapia, ovvero appunto l’intervento assistito con l’asino, animale ritenuto particolarmente idoneo al lavoro terapeutico-relazionale.
Imminente è l’avvio del corso di formazione per “coadiutore dell’asino”, che si terrà dal 13 al 17 febbraio, presso la struttura trentina. La parte pratica, invece, è in programma in Abruzzo dal 17 al 19 maggio, presso il Centro Asinomania ad Introdacqua (l’Aquila), uno dei “Borghi più belli d’Italia”. (S.B.)

Per approfondire accedere a questo link. Per ulteriori informazioni: info@fondazionetrentinaautismo.it.

Stampa questo articolo