- Superando.it - http://www.superando.it -

Di sogno in sogno, è arrivato “Detective per caso”

I componenti dell’Arte nel cuore, alla presentazione di “Detective per caso”, durante la Festa del Cinema di Roma dell’ottobre 2018

«Se un giovane con disabilità vuole fare teatro, cinema o sperimentarsi solo per curiosità in questo mondo così affascinante, cosa può fare? L’Arte nel cuore è nata per colmare questa lacuna, senza barriere né limitazioni»: era partita nel 2005, basandosi su questo concetto, l’Accademia L’Arte nel cuore di Roma, progetto di formazione artistica voluto da Daniela Alleruzzo, di cui ci siamo regolarmente occupati anche nel nostro giornale, raccontando di volta in volta come quel sogno, nel corso degli anni, si sia pienamente realizzato, coinvolgendo tante persone con disabilità.

Ora, di sogno in sogno, si è arrivati a quello che con tutta probabilità non ha precedenti, e non solo in Italia, ovvero a un film in cui un gruppo di attori con disabilità lavora insieme ad attori senza disabilità, alcuni dei quali anche molto noti (tra gli altri, Valerio Mastandrea, Claudia Gerini, Stefano Fresi, Paola Cortellesi, Paola Tiziana Cruciani, Lillo, Mirko Frezza), e lo fanno in una pellicola che non parla affatto di disabilità, ma è una commedia gialla.
Tutto ciò, infatti, è Detective per caso, frutto appunto di una collaborazione dell’Arte nel cuore con la Società Addictive ideas. Diretto da Giorgio Romano, il lungometraggio – realizzato a costi molto bassi e in sole quattro settimane di riprese – è stato presentato con successo, nell’ottobre scorso, alla Festa del Cinema di Roma e in seguito all’Italian Film Festival di Los Angeles.
Ora ne è imminente l’uscita in sala, ciò che accadrà esattamente il 18 e 19 marzo, presso le sale dei circuiti The Space e UciCinemas (nel sito di Detective per caso sono tutte indicate nel dettaglio).

È quindi un altro sogno di Daniela Alleruzzo che diventa realtà, grazie alla sua tenacia e a quella di Susi Zanon e Guia Invernizzi Cuminetti, le altre due donne produttrici. (S.B.)

Per ulteriori informzioni e approfondimenti: Andrea Iannuzzi (iannuzzi.press@gmail.com).