- Superando.it - http://www.superando.it -

Una sfida di civiltà e consapevolezza, sul piano della progettazione universale

Simboli di varie categorie di persone in diverse condizioni di mobilità

Tutte le persone dovrebbero guardare con estrema attenzione all'”Universal Design” (“progettazione universale”)

«Sensibilizzazione, informazione e promozione di politiche e strumenti progettuali inclusivi attraverso iniziative di formazione con l’applicazione di modelli che si ispirino ai dettami dell’Universal Design [“progettazione universale”, N.d.R.]. Promozione della conoscenza e della consapevolezza in materia di formazione e aggiornamento, sulle necessità, sugli strumenti e sui mezzi normativi indispensabili alla piena inclusione delle persone con disabilità. Promozione, sostegno e costruzione di iniziative comuni per favorire la massima diffusione e partecipazione dell’opinione pubblica per la definizione di modelli di sviluppo utili alla piena autonomia e inclusione di tutte/i le/i cittadine/i»: consistono in questo i tre articoli sui quali si basa il Protocollo d’Intesa che verrà presentato nella mattinata del 10 aprile (ore 11), presso la sede del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Perugia e che in tale occasione verrà sottoscritto congiuntamente dall’Osservatorio Regionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità dell’Umbria e dalla Rete delle Professioni Tecniche dell’Umbria*.

«Questa importante iniziativa – spiega Raffaele Goretti, presidente dell’Osservatorio Regionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità dell’Umbria – vuole essere il punto di partenza per favorire l’approccio progettuale di politiche inclusive che possano realmente tradurre i dettami della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, superando il concetto del progettare e costruire “per categorie”, ma garantendo a tutte/i la possibilità di vivere liberamente e autonomamente l’ambiente che ci circonda. Una sfida impegnativa, questa, anche per tanti professionisti, che ancora non hanno ben focalizzato il concetto e il valore della progettazione per tutti, una sfida di civiltà e consapevolezza». (S.B.)

*Della Rete delle Professioni Tecniche dell’Umbria (RPTU) – coordinata da Roberto Baliani – fanno parte: Collegio dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati dell’Umbria; Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali delle Province di Perugia e Terni; Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori delle Province di Perugia e Terni; Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Perugia e Terni; Ordine dei Geologi dell’Umbria; Collegio dei Geometri e Geometri Laureati delle Province di Perugia e Terni; Ordine degli Ingegneri delle Province di Perugia e Terni.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
osservatorioregionalepcd@regione.umbria.it.