L’accessibilità che innalza la qualità urbana

Illustrare l’importanza dell’accessibilità, quale elemento significativo per l’innalzamento della qualità urbana, e sollecitare gli Enti Pubblici a programmare gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche, integrandoli con gli altri strumenti di pianificazione in essere: sono questi gli obiettivi del convegno “Accessibilità e qualità urbana: dalla mappatura dell’esistente alla pianificazione degli interventi”, organizzato per il 15 aprile a Udine dal CRIBA FVG e dalla Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia

Ruota di una carrozzina che incontra una barrieraIllustrare l’importanza dell’accessibilità, quale elemento significativo per l’innalzamento della qualità urbana, e sollecitare gli Enti Pubblici a programmare gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche – come del resto già previsto ormai da molti anni dalle norme nazionali sui PEBA (Piani per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche) e sui PAU (Piani per l’Accessibilità Urbana), le Leggi 41/86 e 104/92 – integrandoli con gli altri strumenti di pianificazione in essere: sono questi gli obiettivi dell’importante convegno che si terrà nella mattinata del 15 aprile all’Auditorium della Regione Friuli Venezia Giulia di Udine (Via Sabbadini, 31, ore 8.30-13), intitolato Accessibilità e qualità urbana: dalla mappatura dell’esistente alla pianificazione degli interventi.
A organizzarlo sono stati il CRIBA FVG (già Centro Regionale d’Informazione sulle Barriere Architettoniche e oggi Centro Regionale d’Informazione sul Benessere Ambientale del Friuli Venezia Giulia) e la Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU e INU FVG), le Università di Udine e di Trieste, l’ANCI Friuli Venezia Giulia (Associazione Nazionale Comuni d’Italia), Federsanità della stessa ANCI Friuli Venezia Giulia, la Federazione Regionale degli Ordini degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori del Friuli Venezia Giulia, i Collegi dei Geometri e dei Periti Industriali della Provincia di Udine.

«L’iniziativa – spiegano i promotori dell’incontro – prende spunto dalla recente Legge Regionale del Friuli Venezia Giulia 10/18 (Principi generali e disposizioni attuative in materia di accessibilità), che recepisce sul territorio regionale l’approccio alla tematica condiviso a livello internazionale. Dopo un primo inquadramento generale sull’evoluzione normativa e culturale che conferisce sempre maggiore centralità alla persona e ai suoi bisogni, come vengono riconosciuti dalla Convenzione ONU sui Diritti delle persone con Disabilità, il convegno, moderato da Christina Conti, docente di Tecnologia dell’Architettura all’Università di Udine, punterà ad illustrare le modalità operative e gli strumenti di carattere tecnico/informatico che possono essere utili nell’esecuzione di una mappatura dell’accessibilità del territorio, prendendo spunto anche da alcuni casi studio». (S.B.)

A questo link è disponibile il programma completo del convegno di Udine. L’evento è a ingresso libero, con iscrizione è gratuita (a questo link la relativa scheda). Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@consultadisabili.fvg.it.

Stampa questo articolo