Dopo il Presepe Vivente, anche una Via Crucis inclusiva

Il successo e l’entusiasmo suscitato dal Presepe Vivente inclusivo di Cessalto (Treviso), rappresentato cioè anche da alcuni figuranti con disabilità, ha lasciato decisamente il segno, se è vero che si è deciso di organizzare, con la medesima formula, una Via Crucis inclusiva, aperta quindi anch’essa alla partecipazione di persone con disabilità e, in questo caso, anche ai loro genitori e familiari. Accadrà nella serata di domani, 19 aprile, giorno di Venerdì Santo, davanti alla scuola dell’infanzia di Cessalto, da dove si muoveranno ben sessanta figuranti

Locandina della Via Crucis inclusiva di Cessalto (Treviso), 19 aprile 2019Il successo e l’entusiasmo suscitato dal Presepe Vivente inclusivo (se ne legga anche sulle nostre pagine), rappresentato cioè anche da alcuni figuranti con disabilità e andato in scena nel Natale dello scorso anno a Cessalto (Treviso), ha lasciato decisamente il segno, se è vero che in occasione dell’imminente festività pasquale, si è deciso di organizzare, con la medesima formula, una Via Crucis inclusiva, aperta quindi anch’essa alla partecipazione di persone con disabilità e, in questo caso, anche ai loro genitori e familiari.

Accadrà nella serata di domani, 19 aprile, giorno di Venerdì Santo (ore 20), davanti alla scuola dell’infanzia di Cessalto, da dove si muoveranno i figuranti lungo un percorso che si concluderà davanti all’ingresso della Chiesa di Santa Croce (in caso di maltempo, la rappresentazione verrà proposta comunque, all’interno della chiesa).

Anche questa volta promotori dell’evento – che coinvolgerà una sessantina di figuranti, oltre a sarte e costumiste, senza contare il lavoro dei volontari che hanno predisposto tutti gli oggetti necessari – sono stati Don Mauro Gazzelli, parroco della Chiesa di Santa Croce, insieme all’Oratorio San Michele, all’Organizzazione di Volontariato Solo per il Bene e al Comitato Melograno. (S.B.)

A questo link è disponibile un testo di approfondimento sull’iniziativa. Per ulteriori informazioni: comitatomelograno@gmail.com.

Stampa questo articolo