Le tecnologie digitali, l’accessibilità e l’inclusività

Evento mondiale nato in internet, il “Global Accessibility Awareness Day” (“Giornata Mondiale dell’Accessibilita”) intende principalmente sensibilizzare tutti coloro che si occupano di tecnologie digitali sui temi dell’accessibilità e dell’inclusività. È proprio in occasione di tale iniziativa e con scopi analoghi, che sono nati nel nostro Paese gli “Accessibility Days” (“Giorni dell’accessibilità”), la cui edizione di quest’anno è in programma per i prossimi giorni al Museo Omero di Ancona, con numerose iniziative che daranno vita a un emozionante connubio tra storia, arte e tecnologia

Logo degli "Accessibility Days 2019"Evento mondiale nato in internet e promosso ogni anno in maggio da associazioni e comunità di sviluppatori, il Global Accessibility Awareness Day (“Giornata Mondiale dell’Accessibilita”) di oggi, 16 maggio, intende principalmente sensibilizzare tutti coloro che si occupano di tecnologie digitali sui temi dell’accessibilità e dell’inclusività.
È proprio in occasione di tale iniziativa, che sono nati nel nostro Paese gli Accessibility Days (“Giorni dell’accessibilità”), uno dei più importanti eventi sul tema dell’accessibilità, organizzato da persone con disabilità visiva, insieme a una serie di sviluppatori e con il supporto di associazioni e realtà digitali.
La prima edizione si è tenuta nel 2017 al Museo Tattile Statale Omero di Ancona, con un ottimo riscontro di partecipazione, trasferendosi poi, lo scorso anno, all’Istituto Cavazza di Bologna. Quest’anno torna al Museo Omero, e lo farà esattamente tra domani, 17 maggio e sabato 18, proponendo numerose iniziative, a partire da una grande conferenza, vari laboratori, una cena al buio, una tavola rotonda sulla musica accessibile, una postazione per gli audio-games, nonché la Notte dei Musei 2019 e molto altro ancora.

La manifestazione è organizzata dall’UICI di Ancona (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), da DevMarche (network delle community marchigiane di sviluppo software) e da Universalaccess.it, che spiegano come, «gli Accessibility Days puntino in primo luogo a sensibilizzare gli sviluppatori di software, designer e i maker del settore sull’accessibilità e sulla disabilità».
«Il Museo Omero che ci ospiterà – aggiungono – è uno dei più importanti al mondo nel suo genere, e ci permetterà di fondere storia, arte e tecnologia in un connubio che sicuramente ci regalerà nuove emozioni». (S.B.)

Nel sito degli Accessibility Days è disponibile il programma completo dell’evento. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunicazione@universalaccess.it.

Stampa questo articolo