Oltre ai fiori, vi sbocciano anche le persone

È questa l’immagine che viene alla mente, leggendo le parole scritte nel sito dell’ANFFAS di Lucca («con il lavoro coltiviamo le persone»), ove si descrive “Terra nostra”, fattoria didattica per persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, inaugurata nei giorni scorsi a Carraia di Capannori (Lucca), e gestita dalla Società Agricola Carraia, promossa, quest’ultima, dalla stessa ANFFAS, allo scopo di dare concretezza a un progetto di agricoltura sociale già attivo da molti anni

Un momento dell’inaugurazione di “Terra nostra”, la fattoria didattica per persone con disabilità, voluta dall’ANFFAS di Lucca

Carraia è una frazione del comune di Capannori, in provincia di Lucca. E Carraia è anche il luogo nel quale qualche giorno fa è stata inaugurata Terra nostra, fattoria didattica per persone con disabilità, nata sui terreni dell’ANFFAS di Lucca (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), e gestita dalla Società Agricola Carraia, promossa dalla stessa ANFFAS, allo scopo di dare concretezza a un progetto di agricoltura sociale (Progetto Lavoro Floricoltura), già attivo sin dal 1983.

L’iniziativa Lavoro Floricoltura coinvolge oltre venti persone con disabilità intellettiva o problemi di relazione, che supportate da educatori e volontari, lavorano nel settore agricolo, floricolo e del piccolo giardinaggio, aggiungendo talora buoni livelli di competenza e di autonomia.
Nel complesso vengono prodotti oltre venti tipi di fioriture (primaverili e invernali), e una trentina di varietà diverse di erbe aromatiche.
Oltre alle due serre da oltre 200 metri quadrati l’una già presenti, i recenti lavori di rifacimento di un ex capannone artigianale di circa 300 metri quadrati hanno permesso l’allestimento di un ambiente confortevole nell’accogliere le persone con disabilità coinvolte, i visitatori e i clienti dell’azienda agricola. Ciò consentirà di portare avanti in modo continuativo l’attività didattica legata all’agricoltura, senza doverla sospendere nelle stagioni più fredde o più calde, come accadeva in precedenza. Un ulteriore sviluppo del progetto, inoltre, prevede la realizzazione di un punto vendita gestito dagli stessi lavoratori con disabilità.

«Il progetto Lavoro Floricoltura – ha affermato Gabriele Marchetti, presidente dell’ANFFAS di Lucca, in occasione dell’inaugurazione di Terra nostra – rappresenta il più “antico” della nostra Associazione e oggi sembra che la storia di questa iniziativa possa davvero guardare al futuro con una grande serenità e con sempre maggiore efficacia. Qui finalmente abbiamo le condizioni logistiche ottimali per accogliere anche nuovi ragazzi e arrivare a quota venticinque utenti».

«Con il lavoro coltiviamo le persone», è scritto nella pagina del sito dell’ANFFAS lucchese dedicata alla presentazione della Società Agricola Carraia, evocando, implicitamente, la bella immagine di rigogliosi giardini nei quali, oltre ai fiori, sbocciano anche le persone. (Simona Lancioni)

Il presente articolo riprende, per gentile concessione, un testo già apparso nel sito di Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (Pisa), con alcuni riadattamenti al diverso contenitore.

Stampa questo articolo