- Superando.it - http://www.superando.it -

Si chiama “Dopo di Noi”, ma si costruisce “Durante Noi”

Padre insieme a figlio con disabilitàIl Dopo di Noi per le persone con disabilità: i benefìci di trust e affidamenti: questo il titolo dell’interessante incontro dedicato al futuro delle persone con disabilità e tenutosi ad Ancona, presso la nuova aula polifunzionale del Centro Papa Giovanni XXIII.
Ad aprire i lavori è stata Giorgia Sordoni, vicepresidente del Centro ospitante, seguita dall’intervento del consulente finanziario Lorenzo Cioffi, che si è soffermato sull’importanza della pianificazione nella gestione del patrimonio e del ruolo fondamentale che riveste il consulente finanziario.
Successivamente la parola è passata a Gabriele Sepio, avvocato, consulente del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, tecnico di redazione legislativa che ha collaborato anche all’elaborazione della Legge 112/16, meglio nota come “Legge sul Dopo di Noi” o “sul Durante e Dopo di Noi”. Particolarmente significativo il  titolo del suo intervento (Si chiama Dopo di Noi ma si costruisce durante: lo strumento del trust per il Dopo di Noi).
«Molto spesso – ha sottolineato Sepio – è difficile da immaginare per un genitore, ma è fondamentale ragionare su cosa possiamo fare oggi per il futuro dei nostri figli o familiari con disabilità». «In Italia – ha aggiunto -, Paese in cui storicamente e statisticamente solo in pochi predispongono un futuro costruendolo nel presente, la tematica del “Dopo di Noi” acquista oggi rilevanza non solo sociale, emotiva e relazionale, ma anche economico-finanziaria». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Marco Trillini (m.trillini@centropapagiovanni.it).