- Superando.it - http://www.superando.it -

Disabilità e Governo: un appello

Negli ultimi giorni «Superando.it» ha tentato di dare conto di quanto stia accadendo o sia prevedibile dopo le dichiarazioni del Presidente del Consiglio che molte aspettative hanno innescato sul fronte della disabilità. Purtroppo al momento sono molte le incertezze che generano disorientamento, delusione o, nel migliore dei casi, attesa e attendismo.
In questo contesto ci sono anche voci che si alzano interogandosi e chiedendo conto su quale sarà realmente il  futuro delle politiche sulla disabilità nel nostro Paese.  Fra queste c’è anche l’appello
Disabilità e Governo, rivolto al Presidente del Consiglio, alle forze politiche che sostengono il Governo e alle Federazioni delle persone con disabilità e delle loro famiglie.
Riportiamo di seguito il testo integrale dell’appello, che tutti possono sottoscrivere, inviando una mail all’indirizzo appellodisabilita@hotmail.com, ove indicare il nominativo, la propria città ed, eventualmente, il gruppo, associazione od organizzazione di riferimento.
Nei prossimi giorni aggiorneremo i Lettori sull’elenco delle adesioni che via via verranno raccolte da questa iniziativa.

Disabilità e Governo
Un appello

Fatti, promesse e aspettative
La cronaca politica delle ultime settimane ha ingenerato forti aspettative di cambiamento fra le persone con disabilità, le loro famiglie, le associazioni e in chiunque si interessi con senso civico di disabilità.
Il primo segnale interpretato positivamente è stato la convocazione da parte del Presidente incaricato, in sede di consultazioni per la formazione del Governo e della stesura del programma, delle organizzazioni delle persone con disabilità, atto unico nella storia repubblicana.
Il Presidente nella sua relazione alle Camere ha sottolineato il tema della disabilità considerando prioritario un intervento organico e annunciando la previsione di uno specifico sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con le relative deleghe e quindi responsabilità e poteri.
Le aspettative conseguentemente non erano compresse in parziali, e pur giuste rivendicazioni, ma soprattutto rivolte ad un radicale cambiamento di rotta nell’affrontare e disporre trasversali e strutturali politiche per la disabilità in questo Paese.
Tuttavia al momento della formazione del nuovo Governo non è stata previsto alcun sottosegretario né circoscritte le deleghe.
Nel corso di una conferenza stampa poco dopo la nomina dei sottosegretari Conte sul punto ha dichiarato: «Ho avuto consultazioni anche con il mondo delle disabilità. Mi hanno chiesto espressamente di tenere le deleghe presso la presidenza del consiglio. Ho accolto questa richiesta. […] Voglio creare un forum permanente per confrontarci».

In realtà durante la consultazione le organizzazioni avevano espresso una indicazione più precisa: «A Lei, Professor Conte, valutare se debba essere un dipartimento specifico o un’altra struttura ad occuparsi, in modo non ancillare, di disabilità. Di certo riteniamo che questo attore, oltre ad essere incardinato nelle più elevate competenze istituzionali, debba disporre di deleghe ampie, forti, chiare e disporre di adeguate risorse; contare su una struttura solida e tecnicamente autorevole e preparata […]».

In questo scenario non si sono raccolte da parte delle forze politiche che sostengono il Governo richieste di chiarimenti, indicazioni, precisazioni sul perché dell’assenza di quella figura e, ancor più, di come operativamente la Presidenza del Consiglio intenda organizzare la sua azione.

Emergenze indifferibili
Cambiare rotta sulla gestione complessiva e trasversale sulla disabilità comporta un forte impegno organizzativo, una struttura adeguata e tempestiva, una attribuzione di responsabilità a persone autorevoli e preparate, condizioni che, pur nel rispetto del Presidente del Consiglio dei Ministri, difficilmente possono essere garantite rimanendo nell’incertezza o compensate ricorrendo a luoghi di interlocuzione.
Vi sono poi delle emergenze indifferibili che non possono essere più rimandate sine die o lasciate al frammentario intervento di questo o quel soggetto pubblico: c’è necessità di una regia stabile, autorevole, strutturata. Solo per citare alcune priorità ed emergenze:

– la revisione dei criteri di riconoscimento della disabilità congruenti alla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità e funzionali ad elaborare progetti personali;
– le norme per aumentare l’inclusione lavorativa (stiamo ancora attendendo le linee guida previste dal 2015) e garantire la conservazione del posto del lavoro a iniziare dalle persone con disabilità intellettiva e dalle donne, cioè da chi subisce una discriminazione plurima;
– le norme e le risorse per consentire ai progetti per la vita indipendente, autonoma, adulta di uscire da un sperimentalismo che genera incertezza e impedisce di realizzare progetti di vita oltre ad una marcata disomogeneità territoriale;
– le norme per sostenere, affrontare, sostenere il ruolo dei caregiver familiari garantendo oltre ai necessari supporti anche diritti soggettivi previdenziali e assicurativi;
– la verifica e il monitoraggio sulla reale applicazione dei LEA (livelli essenziali dell’assistenza), inclusa la fornitura di ausili, largamente inapplicati nel Paese;
– la garanzia di accesso in condizioni di pari opportunità ai servizi di diagnosi, terapia, riabilitazione, strutture e servizi ambulatoriali e ospedalieri a prescindere dalla disabilità;
– il contrasto alla segregazione e all’isolamento, intervenendo in modo deciso per impedire il riprodursi di luoghi e modelli segreganti e supportando servizi diversificati per l’abitare;
– la promozione e la garanzia dell’accessibilità (nel senso più ampio del concetto) e della mobilità quale requisito per l’inclusione e le pari opportunità, anche usando la leva (ad oggi ignorata) del Codice Appalti;
– la prevenzione delle violenze e dei trattamenti disumani e degradanti;
– il contrasto alla povertà e all’impoverimento, per le persone e per le famiglie, derivante dalla disabilità, tema su cui hanno latitato sia il ReI che il Reddito di Cittadinanza;
– la reale garanzia dell’inclusione scolastica e della formazione permanente, visti anche i segnali negativi di questi giorni (alunne e alunni con disabilità che non possono iniziare la frequenza per assenza di supporti e sostegni);
– la governance reale dei programmi e dei piani per la disabilità affinché, nonostante gli sforzi di elaborazione e di condivisione non rimangano lettera morta come gli ultimi due Programmi d’azione biennale;
– una reale definizione di un piano per la non autosufficienza che garantisca oltre alle risorse anche modelli di riferimento, livelli essenziali di prestazioni, omogeneità di trattamento su tutto il territorio nazionale.

Potremmo continuare ma già questi elementi fanno comprendere assai bene quali siano le pendenze e quale impegno politico ne debba derivare. Impegno su cui chiediamo conto, civilmente ma in modo determinato.

Chiediamo conto


– al Presidente del Consiglio: quali siano nel dettaglio e operativamente gli obiettivi che intende perseguire e quali siano le modalità, gli strumenti, le strutture, le risorse che si intende destinarvi. Come siano garantite a questi intenti l’autorevolezza, le deleghe, le attribuzioni, le risorse anche di personale. Ed con quale previsione temporale poiché riteniamo ci sia necessità di una struttura solida e stabile affinché quelle deleghe non rimangano lettera morta.

– alle Forze politiche che sostengono questo Governo: quale siano state le valutazioni che, dopo la relazione programmatica del Presidente del Consiglio, hanno spinto a non richiedere con forza previsione di uno specifico sottosegretariato alla disabilità e ad accettarne l’assenza. Se abbiano elaborato ipotesi di soluzione dell’evidente lacuna nella compagine governativa e delle conseguenti azioni ora impraticabili e che pure avevano dichiarato come centrali.

– alle Federazioni delle persone con disabilità e delle loro famiglie: quali siano le azioni che intendano attuare in considerazione del fatto che non è stata accolta l’essenza delle loro richieste in sede delle consultazione e in considerazione delle emergenze elencate sopra ben note da decenni.

Attendiamo, assieme a migliaia di cittadini con disabilità e loro familiari, risposte e ci auguriamo azioni.

22 settembre 2019

Se vuoi sottoscrivere l’appello invia una mail a appellodisabilita@hotmail.com indicando il nominativo e l’eventuale gruppo, associazione, organizzazione di riferimento.

Aderiscono all’appello:

  1. Marco Rasconi (presidente nazionale UILDM-Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)
  2. Germano Tosi (presidente ENIL Italia-European Network on Independent Living)
  3. Mariangela Lamanna (presidente Associazione Comitato 16 Novembre per la SLA e le Patologie Altamente Invalidanti)
  4. Giampiero Licinio (presidente FISH Friuli Venezia Giulia-Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap)
  5. Silvia Cutrera (presidente dellAssociazione Nazionale per la Promozione e la Difesa dei Diritti delle Persone Disabili AVI Roma-Agenzia per la Vita Indipendente ONLUS)
  6. Alberto Fontana (consigliere nazionale UILDM-Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)
  7. Pietro Vittorio Barbieri (membro del CESE-Comitato Economico e Sociale Europeo)
  8. Daniele Stavolo (presidente AP-Associazione Paraplegici di Roma e del Lazio)
  9. Francesco Diomede (presidente FINCOPP-Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico, vicepresidente FAVO-Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, segretario nazionale AISTOM-Associazione Italiana Stomizzati)
  10. Dario Ianes (professore ordinario di Pedagogia e Didattica Speciale, Università di Bolzano)
  11. Andrea Canevaro (professore emerito Alma Mater Università di Bologna)
  12. Antonio Costabile (professore ordinario di Sociologia Politica, Università della Calabria)
  13. Francesco Nardocci (neuropsichiatra infantile)
  14. Salvatore Nocera (Roma)
  15. Gaetano Continillo (professore Department of Engineering, Università del Sannio, Benevento)
  16. Carlo Lepri (psicologo e formatore, Genova)
  17. Alessandra M. Straniero (Dipartimento di Studi Umanistici, Università della Calabria)
  18. Luciano Seddaiu (presidente Associazione Gli altri – Rosanna Benzi)
  19. Antonio Giuseppe Malafarina (giornalista, presidente onorario Fondazione Mantovani Castorina, Milano)
  20. Massimo Vettoretti (presidente sezione UICI-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Treviso e vicepresidente del Consiglio Regionale UICI del Veneto)
  21. Francesca Arcadu (a nome del Coordinamento del Gruppo Donne UILDM-Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)
  22. Giovanni Battista Pesce (presidente AICE-Associazione Italiana Contro l’Epilessia)
  23. Assia Andrao (presidente Retina Italia ONLUS)
  24. Mario Conclave (a nome dell’Associazione Amici di Flavio Cocanari)
  25. Elena Patrizia Improta (presidente Oltre lo Sguardo ONLUS, Roma)
  26. Carlo Santangelo (rappresentante dei genitori Associazione Vittoria – La Città dei Ragazzi – Contrada Oratorio Alanno, Pescara)
  27. Generoso Di Benedetto (rappresentante del Comitato Territoriale DPI-Disabled Peoples’ International della Campania)
  28. Stefano Onnis (presidente Associazione Come un Albero ONLUS, Roma)
  29. Pinuccia Pisoni (presidente Coordinamento Genitori CCD-Centri Diurni Disabili Milanesi)
  30. Maria Cosentino (presidente Cooperativa Sociale C’era l’Acca, Aosta)
  31. Roberto Toppoli (Dipartimento Politiche Sociali, Direzione Benessere e Salute, Roma Capitale)
  32. Nicola Schiavolin (a nome di Progetto Gulliver ONLUS, Padova)
  33. Emanuele Mercanti (direttore Fondazione Franchin Simon, Montagnana, Padova)
  34. Giuseppe Urbinati (vicepresidente ANFFAS-Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, Provincia di Bologna)
  35. Claudia Nicchiniello (presidente ANGSA Campania-Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici)
  36. Andrea Silvestrini (vice presidente nazionale e presidente dell’ANIEP di Roma-Associazione Nazionale per la Promozione e la Difesa dei Diritti delle Persone Disabili)
  37. Claudio Ferrante (presidente dell’Associazione Carrozzine Determinate, Montesilvano, Pescara)
  38. Associazione Pugliese Persone Para-tetraplegici (Bari)
  39. Gruppo Solidarietà (Moie di Maiolati, Ancona)
  40. Angelo Cerracchio (dirigente presso Fondazione Salernum a marchio ANFFAS-Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale)
  41. Paola Mantovani (AVI Roma-Agenzia per la Vita Indipendente)
  42. Arianna Colonello (referente per il Friuli Venezia Giulia dell’APRI-Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti)
  43. Enio Billiato (presidente Associazione Nazionale Italiana Mobilità, Jesolo-Venezia)
  44. Patrizia Strocchi (componente del Direttivo di RP e Malattie Oftalmiche Rare, Emilia Romagna)
  45. Laura Coccia (responsabile Politiche Sociali Associazione Europea dei Giovani)
  46. Andrea Tonucci (presidente AVI Umbria-Associazione per la Vita Indipendente)
  47. Alessandra De Palma (medico legale Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna)
  48. Roberto Vitali (Village for All, Ferrara)
  49. Dario Dongo (presidente Égalité ONLUS, Roma)
  50. Carmelo Comisi (Disability Pride ONLUS)
  51. Domenico Costantino (presidente MoVI – Movimento Vita Indipendente, Termoli-Campobasso)
  52. Giovanni Marino (Fondazione Marino per l’Autismo ONLUS, ANGSA Calabria-Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici)
  53. Addolorata Ardito (aderente Associazione Sindrome X Fragile, Puglia)
  54. Simonpietro Marinelli (presidente Associazione Superamento Handicap di Cerignola)
  55. Lorenza Vettor (vicepresidente vicaria FISH Friuli Venezia Giulia)
  56. Roberto Scano (esperto in materia di accessibilità ICT)
  57. Giovanna Leonardi (APM Marche-Associazione Paraplegici Marche, Pesaro)
  58. Andrea Scotti (vicepresidente Habitat per l’Autismo)
  59. Paola Morandi (membro della Consulta Permanente del Municipio Roma XV)
  60. Filomena Zingarello (presidente Associazione Difesa Diritti Diversamente Abili, Lecce)
  61. Giorgio Leucci (vicepresidente Associazione Difesa Diritti Diversamente Abili, Lecce)
  62. Bernardetta Manna (caregiver familiare)
  63. Carmine Buonomo (avvocato, diritto previdenziale e assistenziale, Napoli)
  64. Stefania Salardini (Modena)
  65. Giacomo Morandi (Piacenza)
  66. Alessandra Bragagnolo (Treviso)
  67. Irene Gironi Carnevale (Roma)
  68. Umile Bentivedo (operatore sociale)
  69. Sorin Marian Pop (Gruppo Vita Indipendente, Perugia)
  70. Angelo Dernini (Piacenza)
  71. Moreno Miele
  72. Valeria Mantovan
  73. Andrea Campana (aderente ANMIC-Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili)
  74. Paola Meneghelli e Doriano Steccanella Danti (Arco, Trento)
  75. Luigi Dammacco (Bari)
  76. Eldo Pellei (Offida, Ascoli Piceno)
  77. Antonio Vespasiano (Cittadella dell’Autismo, Cosenza)
  78. Paola Di Domenico
  79. Daniela Mercorelli (genitore e volontaria, Terni)
  80. Andrea Mussi (Miradolo Terme-Pavia)
  81. Bianca Della Pietra (Monfalcone-Gorizia)
  82. Silvana Fiasconaro (aderente AIPD-Associazione Italiana Persone Down)
  83. Paolo Rivaben (aderente AID-Associazione Italiana Dislessia)
  84. Anna Bravo
  85. Michele Lastilla
  86. Fausto Giancaterina (Gruppo DuDoNoi, Roma)
  87. Dario Petri (Bassano del Grappa)
  88. Monica Nolli (aderente UICI-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, Milano)
  89. Pietro Macrì (aderente AVI Roma-Agenzia per la Vita Indipendente)
  90. Giorgia Morelli (Milano)
  91. Pasquale Rizzi (Movimento Disabili per la Convenzione ONU)
  92. Roberto Zucchi (aderente all’Associazione Paratetraplegici del Nordest, Padova)
  93. Rita Trapasso
  94. Marco Castaldo
  95. Anna Laura Giachini
  96. Giuseppe Franco
  97. Anna Maria Bianco (Ozzano dell’Emilia, Bologna)
  98. Anna Maria Greco
  99. Oscar Capra
  100. Marco Gargiulo (presidente Consorzio Nazionale Idee in Rete – Consorzio Nazionale di Cooperative Sociali)
  101. Maria Canzanella (Manziana, Roma)
  102. Cristina Benfenati
  103. Sandra Brugiotti (Terni)
  104. Sabina Berretta (aderente al gruppo Familiari Caregiver Italiani)
  105. Anna Myriam Perrone (Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Sant’Orsola-Malpighi)
  106. Antonello Spiga (Cagliari)
  107. Erendira Ferruzzi (Mestre)
  108. Natalia Moraggi (Terni)
  109. Claudia D’Amico
  110. Pier Angelo Tozzi (presidente Consulta Disabilità della Provincia di Massa Carrara)
  111. Ermanno Preziosi (presidente Associazione AFDP ONLUS-Associazione Familiari Disagiati Psichici)
  112. Fabio Amanti (responsabile Patients Advocacy c/o Associazione Parent Project)
  113. Letizia Anna Maria Mainella (Associazione AVI Roma-Agenzia per la Vita Indipendente)
  114. Luigi Di Lello (presidente Mondo Charge, Rescaldina, Milano)
  115. Emma Leone (Lamezia Terme)
  116. Vanessa Monfreda (Roma)
  117. Bianca Nava (Treviso)
  118. Frida Chialastri (avvocato, consulente ANMIC Como, Milano-Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili)
  119. Danilo Monaro (Sassari)
  120. Valentina Zurzolo
  121. Felicita De Pace (Sauvenière, Belgio)
  122. Karine Maria Louise Josef van Beek
  123. Simona Tino
  124. Giovanna Spinuso
  125. Maria Luisa Meacci
  126. Annarita Bacciali
  127. Raffaele Ciccio (già presidente dell’Associazione Risorse di Siracusa)
  128. Rita Marchio
  129. Giuseppe Cariati
  130. Mario Canzi
  131. Virginia Scimone
  132. Antonella Alviti (già presidente dell’ANIEP di Roma-Associazione Nazionale per la Promozione e la Difesa dei Diritti delle Persone Disabili)
  133. Silvia Maimone
  134. Salvatore Camodeca (Busto Arsizio)
  135. Antonio Josè Sciulli (avvocato, Sant’Angelo del Pesco, Isernia)
  136. Corrado Adamo (già presidente Coordinamento Disabilità Valle d’Aosta)
  137. Alessandro Riatsch (Roma)
  138. Francesco Vinci (Associazione Contro le Barriere, Taranto)
  139. Stefano Ciccarelli (Castel Volturno, Caserta)
  140. Antonio Santoro
  141. Bruno Marconi (aderente Associazione GALM-Gruppo Animazione Lesionati Midollari, Verona)
  142. Claudio Locatelli (fondatore ed amministratore del Gruppo Pazienti Protesi di Caviglia).
  143. Raffaella Marsella (presidente Associazione Eschatià, Galatone, Lecce)
  144. Ciro Di Napoli
  145. Anna Rita Casolini (presidente Associazione Liberi di Fare Sport, Tivoli-Roma)
  146. Daniela Fazio (Catanzaro)
  147. Barbara Carrone (membro del Direttivo SensibilMente ONLUS, Olbia)
  148. Alessia Mereu (aderente UICI-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, Pistoia)
  149. Giuseppe Bonifaci (Roma)
  150. Daniela Segatori (assistente sociale Area Disabilità presso il Municipio VII, Roma Capitale)
  151. Cristina Finazzi (presidente SpazioBlu Autismo Varese ONLUS)
  152. Maria Federica Marotta (Cosenza)
  153. Francesco Perez (Siracusa)
  154. Giovanni Sapucci (direttore dell’Associazione Centro Educativo Italo Svizzero Remo Bordoni, Rimini)
  155. Antonio Gallo (Corsico, Milano)
  156. Massimo Prosperococco (Università dell’Aquila, Comunicazione, Web e Social Network)
  157. Associazione ValorAbile (Siracusa)
  158. Associazione Sportiva e Sociale HBARI 2003 (Bari)
  159. Raso Antonio (Lamezia Terme)
  160. Wanda Caretti (Varese Ceresio)
  161. Associazione Volare più in alto ONLUS
  162. Francesco Tranfaglia (Roma)
  163. Stefano Trasatti (giornalista)
  164. Enzo Lazzaro (Forlì)
  165. Vincenzo Falovo
  166. Enza Capone (socio fondatore Comitato 16 Novembre ONLUS)
  167. Annalisa Canevaro (socia dell’Associazione GALM-Gruppo Animazione Lesionati Midollari, Verona)
  168. Palma Barlaam (Roma)
  169. Simone Nicosia
  170. Valentina Baldini (presidente ASAMSI -Associazione per lo Studio delle Atrofie Muscolari Spinali Infantili)
  171. Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus (Torino)
  172. Maria Cristina Dieci (presidente ASBI-Associazione Spina Bifida Italia)
  173. Guido Trinchieri (presidente UFHA-Unione Famiglie Handicappati)
  174. Massimo Vita (Siena)
  175. Valeria Scafetta (Pesaro)
  176. Daniele Lauri
  177. Paola Fidani (aderente ANGSA-Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici)
  178. Marco Vesentini (presidente AIAS Verona)
  179. Maria Paola Aureli (referente regione Sardegna, Comitato 16 Novembre)
  180. Marco Faini (direttore ANFFAS Brescia ONLUS)
  181. Anna Petrone (Salerno)
  182. Rolando Alberto Borzetti (curatore siti DIDAweb ed EdScuola)
  183. Riccardo Sirri (Direttore EducAid ONG – Educazione Inclusiva e Innovazione Sociale per la Cooperazione Internazionale)
  184. Rita Barbuto (Lamezia Terme)
  185. Edoardo Barbarossa
  186. Fortunato Pirrotta (Reggio Calabria)
  187. Renato De Vecchi (aderente UICI Treviso-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti)
  188. Carlo Calabria (Pontoglio, Brescia)
  189. Sergio D’Angelo (presidente del Gruppo di Imprese Sociali Gesco)
  190. Massimo Fava (presidente Associazione Sindrome Kabuki Nord Est ONLUS di San Michele al Tagliamento-Venezia)
  191. Dino Barlaam (aderente AVI-Agenzia per la Vita Indipendente ONLUS, Roma)
  192. Raffaele Goretti (Perugia)
  193. Monia Magliocco (presidente di LatinAutismo ONLUS)
  194. Marino Cortese (aderente GALM-Gruppo Animazione Lesionati Midollari, Verona)
  195. Tiziana Marchi (aderente Movimento Disabili per la Convenzione ONU)
  196. Carlo Dipinto (presidente AICE-Associazione Italiana Contro l’Epilessia, Puglia)
  197. Angelo Dongiglio
  198. Franco Cilenti (direttore editoriale del periodico «Lavoro e Salute»)
  199. Iginio Rossi (architetto, Città Accessibili a Tutti, INU-Istituto Nazionale di Urbanistica)
  200. Raffaella Turatto (a nome del Comitato Uniti per l’Autismo, Lombardia)
  201. Giulio Nardone (presidente nazionale ADV-Associazione Disabili Visivi)
  202. Ciro Tarantino (professore Università della Calabria, Dipartimento di Studi Umanistici)
  203. Maurizio Casadei (presidente Il Millepiedi Cooperativa Sociale a r.l., Rimini)
  204. Tiziana Biolghini (Roma)
  205. Alessandro Bosco (Fondazione ASPHI ONLUS-)
  206. Gabriele Favagrossa (esperto di accessibilità, Milano)
  207. Mirella Carlesi (tesoriera ADV-Associazione Disabili Visivi, Roma)
  208. Luciano Fantoni
  209. Fabio Selvaggio (presidente Associazione di Promozione Sociale Unanimus, Campagna, Salerno)
  210. Giuseppe Stefanoni (Verona)
  211. Daniel Tomasi (aderente ASBI-Associazione Spina Bifida Italia Veneto, Tarzo, Treviso)
  212. Elena Ricciardi (presidente Associazione Pro Handicap Anche Noi Segretariato Sociale, Eboli, Salerno)
  213. Antonio Coppola
  214. Giuseppe Rozzoni (Associazione Comunità Progetto Sud ONLUS, Lamezia Terme, Catanzaro)
  215. Mariangela Cilli (segretario Associazione Carrozzine Determinate, Montesilvano, Pescara)
  216. Mario Ciummei (presidente Fondazione Fracta Limina ONLUS, Milano)
  217. Gabriella La Rovere (presidente Associazione L’orologio di Benedetta, Marsciano, Perugia)
  218. James Vallicelli (aderente gruppo AISM di Forlì)
  219. Vittoria Codispoti (Roma)
  220. Alessandro Bardini (avvocato, Roma)
  221. Carlo Remondini (Pontoglio, Brescia)
  222. Nunzia Coppedé (Comunità Progetto Sud, Lamezia Terme)
  223. Anna Maria Comito (presidente Coordinamento Familiari Assistenti Clelia, presidente della Consulta per le Politiche in Favore delle Persone con Disabilità Municipio Roma I Centro)
  224. Loredana Cini (Pescara)
  225. Antonella Lopalco (aderente alla UILDM-Unione Lotta Distrofia Muscolare)
  226. Gianfranco V. Pandiscia (Matera)
  227. Mauro Corona (coordinatore per il Lazio dell’ANPVI-Associazione Nazionale Privi della Vista ed Ipovedenti, Roma)
  228. Giulio Durantini
  229. Vito Tupputi (segretario regionale Puglia Assomeda)
  230. Maria Giovanna Tortora (aderente alla UILDM-Unione Lotta Distrofia Muscolare, Albano Laziale)
  231. Antonio Giardina (assessore alle Politiche Sociali del Comune di Canicattì, Agrigento)
  232. Antonella Mulas (Ladispoli, Roma)
  233. Felice Di Girolamo (Ladispoli, Roma)
  234. Fausto Toffano (aderente all’UICI-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, Montagnana, Padova)
  235. Valter Pinto (Napoli)
  236. Paolo Giuseppe Fogar (presidente nazionale della FNATC-Federazione Nazionale Associazioni Trauma Cranico)
  237. Christian Lauri (Terni)
  238. Cooperativa Nuovo orizzonte per la disabilità (Formia)
  239. Andrea Titti (giornalista)
  240. Maria Teresa Lattaioli (presidente dell’AICE-Associazione Italiana Contro l’Epilessia di Perugia, referente dei Genitori Associazione Insieme per la Ricerca su PCDH 19 Malattia rara)
  241. Vincenzo Fanale (Porpetto, Udine)
  242. Giuseppe Cantarini (presidente dell’Associazione dei Gruppi di Automutuoaiuto dell Orvietano, Orviet’ama)
  243. Maria Teresa Borra (presidente dell’Associazione Gruppo Asperger Liguria)
  244. Domenico Russo (Casalnuovo, Napoli)
  245. Antonio Corraine (presidente della Fondazione La cascina del castello, vicepresidente dell’ANGSA della Valle d’Aosta-Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici)
  246. Pasquale Marino (presidente dell’Associazione LiberAutismo, Formia, Latina)
  247. Arianna Lucchi
  248. Associazione Globus ONLUS (Bernalda, Metaponto, Matera, Pisticci, Marconia)
  249. Gigliola Serra (neuropsichiatra infantile)
  250. Rocco Sgrò (vicepresidente dell’Associazione Progetto per il Dopo di Noi, Trapani)
  251. Carla Roin (referente dell’AICE-Associazione Italiana Contro l’Epilessia, Ferrara)
  252. Carlo Campione
  253. Egisto Azzolini (AVMMC-Associazione Varesina per il Mielomeningocele, Varese)
  254. Loredana Ligabue e Lalla Golfarelli (CARER-Associazione dei Caregiver Familiari dell’Emilia Romagna)
  255. Claudia Barban (Treviso)
  256. Loredana Fiorini (presidente Associazione Hermes, Roma)
  257. Barbara Cerquetti
  258. Silvana Benzi (docente di sostegno, collaboratrice della Consulta Handicap Regione Liguria)
  259. Rosa Colacicco (insegnante di sostegno, Santeramo in Colle, Bari)
  260. Alfonso Russi (Foligno)
  261. Francesca Reale (aderente all’associazione Oltre lo Sguardo, Roma)
  262. Angela Gianola (aderente all’UICI-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, Cortenova, Lecco)
  263. Rossana Bianchi (Firenze)
  264. Paola Perrone (aderente all’ANGSA-Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici)
  265. Stefania Serpetta
  266. Enrica Luciani (aderente all’AVI-Agenzia per la Vita Indipendente, Roma)
  267. Arnaldo Testi (aderente al GALM-Gruppo Animazione Lesionati Midollari, Verona)
  268. Fabio Comunello (BioFattoria Sociale Conca d’Oro, Bassano del Grappa, Vicenza)
  269. Loris Di Biagio
  270. Maria Irene Sarti (neuropsichiatra infantile)
  271. Angela Delvecchio (aderente all’ASBI-Associazione Spina Bifida Italia, Barletta)
  272. Gianfranco Alleruzzo (presidente di Legacoopmarche, Urbino)
  273. Antonella Sapio
  274. Luciana Cuccuru
  275. Bartolomeo Alessio Pazienza (consigliere dell’AVMMC-Associazione Varesina per il Mielomeningocele, Varese)
  276. Anna Villani
  277. Daniela Carlassare (Roma)
  278. Rosa Silvia Petretto (neuropsichiatra infantile)
  279. Pasqualino Carpensano
  280. Nicola Filippo Titta (presidente nazionale della Associazione nazionale Educatori professionali, Roma)
  281. Carlo Nucci
  282. Catia Giovannini (aderente al Gruppo Vita Indipendente)
  283. Maria Assunta Vespasiano (Comitato Cittadella dell’Autismo)
  284. Angelo Costante Mossali (Pontoglio, Brescia)
  285. Piellucci Andrea
  286. Elena Giuliano (Centro Volontari della Sofferenza di Salerno)
  287. Simona Marcelli
  288. Catacchio Michele (Roma)
  289. Aurelia Capasso (Crisalide Wellness)
  290. Catia Bartoli
  291. Imma Esposito (aderente all’Associazione Solaris, Roma)
  292. Sara Carnovali (dottoressa di Ricerca in Diritto Costituzionale, componente dell’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità)
  293. Anna Ventrella (aderente al MoVI-Movimento Vita Indipendente)
  294. Raso Antonio (Lamezia Terme)
  295. Wanda Caretti (Varese Ceresio)
  296. Maurizio Pietropaoli (membro del Collegio dei Probiviri dell’AIPD-Associazione Italiana Persone Down Nazionale e membro della Giunta della Fondazione Italiana Verso il Futuro)
  297. Ivano Platolino (presidente Movimento Handicap Belluno)
  298. Daniela Cecchetti (Terni)
  299. Enzo Jamundo (aderente AP-Associazione Paraplegici di Roma e del Lazio)
  300. Donatella Esposito (a nome dell’Associazione Nazionale ACMT-Rete per la Malattia di Charcot Marie Tooth)
  301. Michele Catacchio (Roma)
  302. Maria Irene Sarti (neuropsichiatra infantile)
  303. Bruno Massara (neuropsichiatra infantile, Roma)
  304. Umberto Zandrini (presidente Consorzio SIR-Solidarietà in Rete, Società Cooperativa Sociale, Milano)
  305. Paolo De Luca (a nome di APIC-Associazione Portatori Impianto Cocleare, Torino)
  306. Simona Lancioni (responsabile del Centro Informare un’h di Peccioli, Pisa)
  307. Simona De Carlini (L’emozione non ha voce ONLUS, Roma)
  308. Elisabetta Schievano (responsabile amministrativa della Fondazione IREA Morini Pedrina Pelà Tono, Este, Padova)
  309. Aldo Miola (Bovolone, Verona)
  310. Emiliano Monteverde (assessore alle Politiche Sociali del Municipio Roma I Centro)
  311. Orlando Limone
  312. Elena Littamè (direttore della Fondazione IREA Morini Pedrina Pelà Tono, Este, Padova)
  313. Patrizia Spadin (presidente nazionale dell’AIMA-Associazione Italiana Malattia di Alzheimer)
  314. Manlio Matera (presidente dell’AIMA-Associazione Italiana Malattia di Alzheimer, Firenze)
  315. Caterina Musella (presidente dell’AIMA Associazione Italiana Malattia di Alzheimer, Napoli)
  316. Anna Rita Mezzasoma (Perugia)
  317. Susanna Bernoldi (a nome dell’AIFO-Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau, Imperia)
  318. Giovanni Battista Casareto (Recco, Genova)
  319. Salvatore Pagliuca (Muro Lucano, Potenza)
  320. Amelia Cantone
  321. Roberto Frullini (presidente Confcooperative-Federsolidarietà Marche)
  322. Monica Ferronato (aderente all’ASBI-Associazione Spina Bifida Italia, Veneto)
  323. Belkacem Latifa (rappresentante dell’Associazione Italo Maghrebina Mediterranea con sede a Montesilvano, Pescara)
  324. Mariacristina Faraglia
  325. Paola Wu M.Y (presidente Associazione Culturale Tra Cielo e Terra, Roma)
  326. Ettore Gobbato (giornalista)
  327. Maria Grazia Pierini (Rescaldina, Milano)
  328. Matteo Schianchi (storico)
  329. Giuliano Ragnacci
  330. Rosapia Farese (a nome dell’Associazione FareRete BeneComune ONLUS APS)
  331. Roberto Grasso (a nome di CoDiVda-Coordinamento Disabilità Valle d’Aosta)
  332. Biagio Rainato (consigliere regionale dell’UICI Sicilia-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti)
  333. Gigliola Vicenzo (Genova)
  334. Claudia Zimeragi (Roma)
  335. Mario Scognamiglio
  336. Francesca Cerocchi (Roma)
  337. Danila Faiola
  338. Pino D’Atri (presidente Associazione Missione Possibile ONLUS, Montesilvano, Pescara)
  339. Valeria Negrini (presidente Confcooperative-Federsolidarietà Lombardia e Portavoce del Forum del Terzo Settore Lombardia)
  340. Iolanda D’Onofrio (aderente al Movimento alla Disabilità per la Convenzione ONU, Palma Campania, Napoli)
  341. Enrico Chini (vicepresidente dell’Associazione Varesina per il Mielomeningocele, Cremenaga, Varese)
  342. Roberto Medeghini (GRIDS-Gruppo di Ricerca Inclusione Disability Studies)
  343. Fabio Bocci (GRIDS-Gruppo di Ricerca Inclusione Disability Studies)
  344. Simona D’Alessio (GRIDS-Gruppo di Ricerca Inclusione Disability Studies)
  345. Angelo D. Marra (GRIDS-Gruppo di Ricerca Inclusione Disability Studies)
  346. Valentina Migliarini (GRIDS-Gruppo di Ricerca Inclusione Disability Studies)
  347. Giuseppe Vadalà (GRIDS-Gruppo di Ricerca Inclusione Disability Studies)
  348. Enrico Valtellina (GRIDS-Gruppo di Ricerca Inclusione Disability Studies)
  349. Vittorio Giacopini (scrittore, disegnatore, conduttore di Pagina 3, Radio Tre, RAI)
  350. Marco Binotto (ricercatore e professore aggregato, Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’Università La Sapienza di Roma; componente del Comitato Esecutivo dell’ANGSA-Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici)
  351. Comitato #SiamoHAndicappatiNoCretini (Sicilia)
  352. Vincenzo Pallotta (presidente Associazione Malattie Rare dell’Alta Murgia Onlus, Altamura Bari)
  353. Lucia Perrone
  354. Lia Fabbri (presidente nazionale ANIEP – Associazione Nazionale per la Promozione dei diritti dei disabili)
  355. Angelo Fanzone (aderente Comitato #SiamoHAndicappatiNoCretini Sicilia)
  356. Angelo Nuzzo
  357. Fiorella Pazienza
  358. Claudio Castegnaro (ricercatore IRS – Istituto per la Ricerca Sociale, Milano)
  359. Marcella Wietrzyk (Genova)
  360. Giuseppa Scandura
  361. Vincenzo Marino (presidente del Movimento dei Cittadini Sicilia, Palermo)
  362. Virginia Tomaselli (Associazione Un Futuro per l’autismo, Catania)
  363. Mirella Lucci (Prato)
  364. Antonio Ruina (Associazione Locomotiva Allerona, Orvieto)
  365. Delia Salemi
  366. Arturo Lavorato
  367. Angiola Rotella (presidente Associazione Insieme per l’Autismo ONLUS)
  368. Alessandra Colonna (presidente Associazione Leg.Arco, Fiumicino)
  369. Donatella Marchese (associazione Non più sola Donne con tumore al seno, Pontedera)
  370. Emilia Martinelli (presidente Associazione Culturale Fuori Contesto, Roma)
  371. Maria Munna (presidente Coordinamento H tra le associazioni per la tutela dei diritti delle persone con disabilità nella Regione Siciliana ONLUS)
  372. Gianmichele Simoni (Roma)
  373. Irene Puliti
  374. Aldo Orlandi
  375. Paolo Zampiceni (presidente Autismando-APS, Brescia)
  376. Luigi Iodice (Associazione ANNA Associazione Nazionale Nutriti Artificialmente) ONLUS, Roma)
  377. Brenda Capolei (Associazione ANNA Associazione Nazionale Nutriti Artificialmente) ONLUS, Roma)
  378. Paola Michelon (Bassano del Grappa, Vicenza)
  379. Laura Valsecchi (adesione per Medicina Democratica)
  380. Maria Munna (presidente Associazione Famiglie di Disabili APS, Palermo)
  381. Michol Sinigaglia (Varese)
  382. Nicola Cirelli (Pescara)
  383. Andrea D’Alessio
  384. Giovanni Cozzucoli (rappresentante Associazione Valdostana Famiglie portatori di Handicap, Aosta)
  385. Comitato l’Autismo Parla Onlus (Palermo)
  386. Federico Corrado
  387. Massimo Pozzetti (consigliere provinciale ANMIC-Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili di Como)
  388. Andrea Ercoles (Varese)
  389. Raffaele Boccassini (aderente al Movimento disabili per la Convenzione ONU, Barletta)
  390. Liliana Di Giorgio (Caserta)
  391. Marzia Castiglione (autrice, pedagogista e blogger)
  392. Enzo Berardi (Roma)
  393. Augusto Battaglia (presidente della Comunità di Capodarco di Roma)
  394. Isabel Fanlo Cortés (docente del Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Genova)
  395. Associazione Movimento per la vita Indipendente, Campania
  396. Maria Rosaria Duraccio
  397. Federico Gabriele
  398. Tiziano Mazzoni (Roma)
  399. Anna Tipaldi (a nome dell’associazione L’abilità ONLUS. Milano)
  400. Barbara Sarro (Roma)
  401. Sara Bonanno e Simone Madussi (Roma, Blog La cura invisibile)
  402. Matteo Quartieri (aderente ASBI-Associazione Spina Bifida Italia, Veneto, Castiraga Vidardo, Lodi)
  403. Cristina Candito (Università di Genova)
  404. Franco Bernardi (Desenzano del Garda, Brescia)
  405. Katia Romano (Cooperativa Sociale Idea Prisma 82, Roma)
  406. Domenico Massano (pedagogista, Asti)
  407. Laura Scudieri (ricercatrice, Università di Genova)
  408. Chiara Paglialonga (Torino)
  409. Arianna Montini
  410. Emanuela Persiano (Milano)
  411. Monica Ciman (assistente sociale, Unità Operativa Semplice di Età evolutiva. Azienda USSL 8 Berica, Vicenza)
  412. Lina Arrigo (Roma)
  413. Massimo Nutini (Prato)
  414. Gilda Rusch (neuropsichiatra infantile, Viterbo)
  415. Marina Midei (insegnante)
  416. Rita Leone (assistente sociale, presidente dell’AIPROS-Associazione Interregionale Professionisti del Sociale, sede di Catanzaro)
  417. Valeria Cotura (FIADDA-Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi)
  418. Federica Tomasi (presidente dell’AICE-Associazione Italiana Contro l’Epilessia, Sezione di Reggio Emilia)
  419. Piera Nobili (presidente a nome di CERPA Italia ONLUS-Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell’Accessibilità, Trento)
  420. Francesco De Nunzio (volontario AISM, sezione di Forlì)
  421. Celeste Di Tullio (caregiver familiare)
  422. Tania Polidoro (membro dell’Associazione Italiana Distrofia Muscolare Emery-Dreifuss, Grosseto)
  423. Rita Fini (AFHCO, Associazione agli Handicappati Comprensorio Orvietano)
  424. Michele Marchi (socio CERPA e libero professionista, Ferrara)
  425. Simonetta Benetollo (Castelfranco Veneto, Treviso)
  426. Cristina Girolimetti
  427. Franco Porcelli
  428. Celeste Di Tullio (caregiver familiare)
  429. Gaetano De Luca (avvocato del Centro Antidiscriminazione Franco Bomprezzi – Ledha)
  430. Gabriele Piovano (presidente CPD – Consulta per le Persone in Difficoltà ONLUS, Torino)
  431. Michela Parodi (Settore Sviluppo Cooperazione Internazionale, Università di Genova)
  432. Achille Ascari (presidente dell’Associazione “S. Cristoforo: vivere è vivere insieme”, Amandola, Fermo)
  433. Massimo Micco (presidente dell’Associazione Regionale Famiglie Sindrome ADHD-AIFA Campania)
  434. Marco Damiani (presidente Tutti Noi ONLUS Roma)
  435. Veronica Raiola (gruppo ABA-Abbattimento Barriere Architettoniche di Recco, Genova)
  436. Luciano Michelon (gruppo ABA-Abbattimento Barriere Architettoniche di Recco, Genova)
  437. Monica Mengozzi (aderente AISM-Associazione Italiana Sclerosi Multipla, sede provinciale Forlì e Cesena)
  438. Roberta Buratti (docente, Genova)
  439. Margherita Vitelli (Associazione Gilo Care ONLUS, Torino)
  440. Angela Celeste Taramasso (docente Università di Genova)
  441. Elisa Pizzi
  442. Valeria Galimberti
  443. Luigi Vittorio Berliri (presidente cooperativa Spes contra spem ONLUS, presidente Associazione di 2° livello Casa al Plurale, Roma)
  444. Morari Yuri (aderente GALM-Gruppo Animazione Lesionati Midollari, Verona)