La costruzione del percorso di vita delle persone con disabilità

Il recente libro di Cecilia Marchisio “Percorsi di vita e disabilità. Strumenti di coprogettazione” descrive la cosiddetta “coprogettazione capacitante”, ovvero, partendo dall’esperienza sul campo promossa dal Centro Studi per i Diritti e la Vita Indipendente dell’Università di Torino, i percorsi e gli strumenti volti a costruire insieme alle persone con disabilità e alle loro famiglie un futuro nella società, con le stesse opportunità degli altri, in linea con il nuovo approccio alla materia introdotto dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità

Copertina del libro "Percorsi di vita e disabilità. Strumenti di coprogettazione" di Cecilia MarchisioÈ uscito qualche settimana fa, per i tipi di Carocci Editore, il libro di Cecilia Marchisio Percorsi di vita e disabilità. Strumenti di coprogettazione, che descrive la cosiddetta “coprogettazione capacitante”, ovvero la modalità di costruzione del progetto di vita delle persone con disabilità, messa a punto in questi anni dal Centro Studi DiVi dell’Università di Torino (Centro Studi Interdipartimentale per i Diritti e la Vita Indipendente), costituitosi come gruppo di lavoro all’interno del CIRCE (Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Comunicazione).

«L’approccio della “coprogettazione capacitante” – spiegano dal Centro DiVi – permette di delineare in maniera articolata le fasi della vita, sostenendo la persona in un percorso emancipatorio, costruito attraverso l’evoluzione di ruoli, spazi e relazioni autentici all’interno della società. La spinta a sviluppare un nuovo approccio, va detto, deriva dalle sperimentazioni di attuazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, documento che ha prodotto un cambio di paradigma all’interno del quale oggi bisogna muoversi per costruire servizi e sostegni. In quest’ottica diventa necessario attivare nuove modalità e strategie per creare le condizioni di contesto, sociali e materiali, affinché le persone con disabilità vivano come cittadini nel mondo di tutti».

Testo, dunque, decisamente da consigliare, Percorsi di vita e disabilità descrive, alla luce dell’esperienza sul campo degli ultimi anni, i percorsi e gli strumenti volti a costruire insieme alle persone con disabilità e alle loro famiglie un futuro nella società, con le stesse opportunità degli altri.
Varie presentazioni del libro sono in programma prossimamente su tutto il territorio nazionale, la prima delle quali si è già avuta a Cagliari, in occasione del convegno nazionale Personalizzare Coprogettare Includere. La qualità dei servizi sociali e scolastici per le persone con disabilità in Italia, organizzato dall’ABC (Associazione Bambini Cerebrolesi) e del quale ci siamo già ampiamente occupati in altra parte del giornale. (S.B.)

Ringraziamo Natascia Curto per la collaborazione.

Cecilia Maria Marchisio, Percorsi di vita e disabilità. Strumenti di coprogettazione, Roma, Carocci, 2019, 172 pagine, 14 euro (11,90 tramite web).
Per organizzare una presentazione del libro presso la propria città, scrivere a: centrostudi-divi@unito.it.
Per informazioni sulla prossima presentazione di Cagliari: abc@abcsardegna.org.

Stampa questo articolo