Inclusione scolastica non pervenuta: le Federazioni abbandonano il tavolo

Anche in quest’anno scolastico, purtroppo, la reale inclusione sembra un miraggio! Per questo FAND e FISH avevano richiesto un confronto politico col Ministro dell’Istruzione, che sembrava potersi svolgere nell’Osservatorio sull’Inclusione. Ma così non è stato, provocando l’abbandono del tavolo da parte delle due Federazioni. «Ci auguriamo – dichiarano i Presidenti delle stesse – che di fronte a una situazione che coinvolge migliaia di studenti con disabilità, il Ministro sappia cogliere da questo gesto la necessità di un intervento politico che segni la reale discontinuità con il passato»

Aula vuota di scuola superiore«L’anno scolastico è iniziato, ancora una volta, con diffusi disagi per le alunne e gli alunni con disabilità: insegnanti di sostegno non assegnati, supporti all’assistenza e alla comunicazione non garantiti, trasporti non attivati. In sintesi: inclusione scolastica non pervenuta. Le nostre organizzazioni paventavano da mesi questo rischio, raccogliendo vaghe rassicurazioni di un cambio di passo rispetto al passato. Così non è stato».
Lo si legge in una nota diffusa congiuntamente da FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali di persone con Disabilità) e FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che di fronte alle evidenze riportate da centinaia di famiglie, avevano richiesto un confronto politico, «dato che quello tecnico e amministrativo, sia a livello centrale che periferico, non ha saputo o potuto produrre effetti concreti e diffusi».

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti ha voluto rimandare il confronto richiesto all’Osservatorio Permanente sull’Inclusione Scolastica, convocandolo per oggi, 1° ottobre. Ma il Ministro stesso, con cui le Federazioni cercavano un’interlocuzione schiettamente politica, ha lasciato la conduzione dell’incontro a un dirigente del Ministero, assentandosi dopo i saluti di rito e dopo brevi interventi terzi che esulavano dal tema più centrale ed urgente e dai richiami delle Federazioni. Di fronte a tale gesto, la FAND, la FISH e le organizzazioni ad esse aderenti, presenti nell’Osservatorio, hanno abbandonato il tavolo.

«Ci auguriamo – dichiarano Nazaro Pagano e Vincenzo Falabella, presidenti rispettivamente di FAND e FISH – che di fronte alla gravità della situazione che coinvolge migliaia di studenti con disabilità, il Ministro sappia cogliere da questo gesto la necessità e l’urgenza di un intervento politico che segni la reale discontinuità con il passato e sia disponibile al confronto diretto sul punto, all’interno dell’Osservatorio o in qualsiasi altro contesto istituzionale ritenga valido». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@fishonlus.it.

Stampa questo articolo