Scoprire l’arte contemporanea in un modo diverso

In occasione della XV Giornata del Contemporaneo del 12 ottobre, evento che dal 2005 l’AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiana) dedica all’arte contemporanea e al suo pubblico, il Museo Tattile Statale Omero di Ancona ha invitato Roberto Cresti, docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Macerata, a presentare il libro “L’arte contemporanea e la scoperta dei valori della tattilità”, scritto da Aldo Grassini, Andrea Socrati e Annalisa Trasatti, rispettivamente presidente, responsabile dei progetti speciali e coordinatrice del Museo Omero

Museo Tattile Statale Omero di Ancona

È “vietato non toccare” la parola d’ordine al Museo Tattile Statale Omero di Ancona

In occasione della XV Giornata del Contemporaneo del 12 ottobre, evento che dal 2005 l’AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiana) dedica all’arte contemporanea e al suo pubblico, il Museo Tattile Statale Omero di Ancona ha invitato per quel giorno Roberto Cresti, docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Macerata, a presentare il libro L’arte contemporanea e la scoperta dei valori della tattilità (Roma, Armando, 2018), scritto da Aldo Grassini, Andrea Socrati e Annalisa Trasatti, rispettivamente presidente, responsabile dei progetti speciali e coordinatrice del Museo Omero.

Cresti proporrà per l’occasione una discussione sull’approccio multisensoriale e interattivo alle opere d’arte contemporanea, contando anche sulla ricca collezione del Museo Omero, che vanta tra l’altro sculture di Marino Marini, Giorgio de Chirico, Girolamo Ciulla e Giuliano Vangi. (S.B.)

La presentazione del 12 ottobre al Museo Omero di Ancona sarà alle ore 17 (ingresso libero). Per ulteriori informazioni e approfondimenti: redazione@museoomero.it (Monica Bernacchia).

Stampa questo articolo