“Vita da non vedenti”: cinque pillole di sana ironia

Pestare una cacca per evitare un palo, salutare per strada un amico che non si presenta, trovare una bicicletta in mezzo al marciapiede e altro ancora: tutte scene di vita quotidiana, per una persona non vedente, illustrate con molta ironia in cinque brevi video con cui promuovere un’autentica inclusione sociale delle persone con disabilità visiva, rifuggendo da ogni forma di pietismo: è l’intelligente iniziativa promossa dall’APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti), degna senz’altro della maggior diffusione possibile

"Vita da non vedenti": immagine tratta da uno dei video

Immagine tratta da uno dei video realizzati dall’Associazione APRI

È con particolare poacere che segnaliamo proprio oggi, 10 ottobre, Giornata Mondiale della Vista – evento da noi già ampiamente trattato in altra parte del giornale – la bella iniziativa promossa dall’APRI (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti), vale a dire la realizzazione dei primi cinque video della serie denominata Vita da non vedenti.
«Un pizzico di autoironìa – spiegano dall’Associazione piemontese – non guasta mai nemmeno nelle situazioni oggettivamente difficili. Questo è lo spirito che ci ha portato a realizzare la serie Vita da non vedenti, i cui primi cinque brevi filmati intendono illustrare altrettante scene umoristiche di vita quotidiana, alcuni momenti di “ordinaria disabilità”, tratti da racconti ed esperienze realmente vissute. Pestare una cacca per evitare un palo, salutare per strada un amico che non si presenta, trovare una bicicletta in mezzo al marciapiede ecc. ecc. L’obiettivo è sicuramente quello della sensibilizzazione, ma anche quello di promuovere un’autentica inclusione sociale dei non vedenti, un’inclusione che, nello stile proprio da sempre della nostra Associazione, rifugge i pietismi, le commiserazioni e anche le rivendicazioni eccessivamente polemiche».
«Speriamo che queste pillole di allegria possano diventare virali – dichiara Marco Bongi, presidente dell’APRI – anche perché più visualizzazioni totalizzeremo, maggiori saranno le possibilità di raggiungere gli ambiziosi traguardi che ci siamo prefissati. Non escludiamo, pertanto, di poter realizzare bel prossimo anno nuovi episodi della serie». (S.B.)

I cinque brevi video realizzati dall’APRI, per la serie Vita da non vedenti, sono disponibili rispettivamente a questo, questo, questo, questo e a questo link. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: apri@ipovedenti.it.

Stampa questo articolo