- Superando.it - http://www.superando.it -

Dalle città invisibili alle città inclusive

Un omino in carrozzina al centro di famiglie di omini. Sullo sfondo rosso un sole che nasceNumerosi anniversari coincideranno con il convegno intitolato Dalle città invisibili alle città inclusive. Esperienze di progettazione e di vita, che si terrà nella mattinata del 18 ottobre presso la Sala Convegni dell’ENAIP Friuli Venezia Giulia a Pasian di Prato (Via Leonardo da Vinci, 27), non lontano da Udine.
Innanzitutto i trent’anni dalla Legge 13/89 (Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati), norma di riferimento in Italia sulla progettazione volta ad eliminare le barriere architettoniche, nonché i dieci anni dalla Legge 18/09, con la quale il nostro Paese ha ratificato la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, rendendola Legge dello Stato. Ma anche gli anniversari della fondazione di due degli enti organizzatori, vale a dire, rispettivamente, i quarant’anni dell’ENAIP Friuli Venezia Giulia e i dieci anni del CRIBA FVG (Centro Regionale di Informazione sulle Barriere Architettoniche Friuli Venezia Giulia), che hanno appunto voluto l’incontro di Pasian di Prato, insieme alla Consulta Regionale delle Associazioni delle Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, alla Regione Friuli Venezia Giulia, alla Federazione Regionale degli Ordini di Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori del Friuli Venezia Giulia e al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

«La Legge 13/89 e la Legge 18/09 che ha ratificato la Convenzione ONU – spiegano i promotori del convegno – saranno i due punti di riferimento per l’incontro , ricordando in particolare come la Convenzione stessa abbia riletto il tema della disabilità, virando da una prospettiva esclusivamente sanitario-assistenzialistica verso una visione volta ad eliminare ogni forma di discriminazione. Un cambio di prospettiva, questo, che sta via via trasformando le persone con disabilità da soggetti “invisibili” all’interno della società a soggetti con uguali diritti ed opportunità, ridefinendo, dunque, il concetto stesso di disabilità».
Non a caso, i vari interventi in programma, condotti da alcuni autorevoli esperti a livello nazionale nelle tematiche proposte, prenderanno spunto da alcuni dei diritti richiamati negli articoli della Convenzione ONU, fornendo una serie di approfondimenti di carattere tecnico-progettuale e illustrando concrete esperienze di vita.

Dopo i saluti istituzionali di Erica Mastrociani, presidente di ACLI/EnAIP Friuli Venezia Giulia, Mario Brancati, presidente della Consulta Regionale delle Associazioni delle Persone Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, Vittorio Pierini, della Federazione Regionale degli Ordini di Architetti, Christina Conti dell’Università di Udine, Alberto Maiolo comandante dei Vigili di Fuoco di Udine e Graziano Pizzimenti,  assessore alle Infrastrutture e al Territorio della Regione Friuli Venezia Giulia, aprirà i lavori il moderatore Carlo Giacobini, direttore responsabile di Handylex.org e direttore editoriale di «Superando.it», proponendo un intervenendo su L’accessibilità come diritto umano e precondizione all’inclusione.
Sarà poi la volta di Elisabetta Schiavone di CERPA Italia (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell’Accesibilità), oltreché componente dell’Osservatorio Sicurezza e Soccorso alle Persone con Esigenze Speciali del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, che si soffermerà sul tema Sicurezza inclusiva: riflessioni sulla vulnerabilità delle persone in caso di emergenza.
Prenderanno quindi la parola Cristina Schiratti dell’ANFFAS Friuli Venezia Giulia (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) (Accessibilità e linguaggio “easy to read”: uno strumento per tutti); Corrado Bortolin, istruttore di orientamento e mobilità di Studio In (Le disabilità visive: dalle esigenze della persona ai requisiti dell’ambiente); Marco De Palma del Centro ANFFAS Giulio Locatelli di Pordenone ed Erica Gaiatto, architetto libero professionista (Residenze “La Rosa Blu” e “Autonomia”: un progetto di cohousing sperimentale di ANFFAS ONLUS Pordenone); Paola Stuparich di ENAIP Friuli Venezia Giulia ed Elena Bulfone di ProgettoAutismo FVG (Il diritto universale alla formazione e al lavoro delle persone con disabilità: buone prassi realizzate da ENAIP FVG e ProgettoAutismo FVG); Consuelo Agnesi di CERPA Italia (Per una cultura inclusiva: dall’accoglienza alla comunicazione, dalla sicurezza alla partecipazione); Giulia Oblach, studentessa e guida sensoriale (Un turismo multisensoriale per valorizzare il territorio). (S.B.)

La partecipazione è gratuita, ma per lagioni logistiche si chiede di effettuare l’iscrizione, scrivendo a: eventi@enaip.fvg.it. Al medesimo indirizzo si possono chiedere ulteriori informazioni, oppure anche a: criba@criba-fvg.it o a segreteria@consultadisabili.fvg.it.