Autismo: modelli di continuità assistenziale a Palermo

«Tra efficacia e sostenibilità, tra pubblico e privato, dagli interventi precoci ai progetti di vita: proporremo un momento di confronto pubblico, al termine di un biennio di impegno congiunto, fra Istituzioni e Terzo Settore, dedicato al benessere delle persone con autismo e delle loro famiglie»: viene presentato così il convegno “Ponti fra Isole – Autismo: modelli di continuità assistenziale dell’ASP di Palermo”, in programma per il 21 ottobre a Palermo, frutto della collaborazione fra l’Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo, lo IESCUM e la Cooperativa Sociale Nuova Sair

Locandina del convegno di Palermo del 21 ottobre 2019Un appuntamento nato per condividere e valorizzare un percorso biennale, ma anche una giornata di studio e dibattito dedicata all’autismo: sarà questo e altro ancora il convegno Ponti fra Isole – Autismo: modelli di continuità assistenziale dell’ASP di Palermo, in programma per lunedì 21 ottobre a Palermo, presso la Sala Mattarella (ex Sala Gialla) di Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea Regionale Siciliana (Piazza Indipendenza, 1, ore 9).
L’incontro – che si avvale del patrocinio della Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana – è frutto della collaborazione fra l’ASP di Palermo (Azienda Sanitaria Provinciale) lo IESCUM (Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano) e la Cooperativa Sociale Nuova Sair, specializzata nella gestione di servizi di assistenza sanitaria e sociale.

«Tra efficacia e sostenibilità – spiegano i promotori del convegno -, tra pubblico e privato, dagli interventi precoci ai progetti di vita: l’incontro del 21 ottobre a Palermo è pensato per essere un momento di confronto pubblico, con esperti e studiosi del settore, al termine di un biennio di impegno congiunto, fra Istituzioni e Terzo Settore, dedicato al benessere delle persone affette da disturbi dello spettro autistico e delle loro famiglie. A tale scopo, durante la giornata saranno anche presentati i risultati dei percorsi di cura, sia ambulatoriali che domiciliari, che l’ASP di Palermo – in virtù di un servizio acquisito da IESCUM  e Nuova Sair – ha somministrato finora in favore di circa 1.400 pazienti, di ogni fascia di età. Sarà insomma una giornata volta a fare il punto sugli aspetti salienti dell’esperienza condotta negli ultimi due anni nel capoluogo siciliano, un confronto aperto e puntuale, alla continua ricerca di miglioramento, efficacia e sostenibilità, negli interventi terapeutici per le persone affette da disturbi dello spettro autistico». (S.B.)

Per informazioni e approfondimenti: ufficiostampaiescum@hotmail.it; segreteria@iescum.org.

Stampa questo articolo