”Juliet Naked” per il secondo appuntamento di ”Cinema senza Barriere®”

Proseguirà nella serata di oggi, 23 ottobre, a Milano, con la proiezione del film “Juliet Naked – Tutta un’altra musica”, la nuova stagione di “Cinema senza Barriere®”, progetto ideato nel 2005 dall’Associazione AIACE di Milano, che garantisce concretamente il diritto di chiunque di andare al cinema, persone non vedenti e non udenti incluse, grazie all’audiodescrizione e alla sottotitolazione

Ethan Hawke e Rose Byrne in "Juliet Naked"

Gli attori Ethan Hawke e Rose Byrne in una scena di “Juliet Naked”

Prosegue con successo a Milano la quattordicesima edizione di Cinema senza Barriere®, il progetto di cinema accessibile a tutti ideato nel 2005 dall’AIACE di Milano (Associazione Italiana Amici Cinema d’Essai), per la direzione di Eva Schwarwwald e Romano Fattorossi, realizzato con la collaborazione dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) e dell’ENS (Ente Nazionale Sordi), e il sostegno della Fondazione Cariplo.
Anche il nostro giornale ha seguito puntualmente negli anni le varie rassegne, il cui scopo generale è appunto quello di promuovere concretamente il diritto di chiunque di andare al cinema, persone non vedenti e non udenti incluse, godendo appieno di uno spettacolo nella stessa sala con persone “normodotate”, grazie all’audiodescrizione e alla sottotitolazione integrata.

Dopo l’avvio nel mese di settembre, il secondo appuntamento è in programma per questa sera, 23 ottobre, all’Anteo Palazzo del Cinema di Milano (Sala Rubino, ore 19.30), con Juliet Naked – Tutta un’altra musica, commedia inglese diretta da Jesse Peretz, ispirata al bestseller di Nick Hornby Tutta un’altra musica e interpretata, tra gli altri, da Ethan Hawke, Rose Byrne e Chris O’Dowd.

Da ricordare sempre che con Cinema senza Barriere® l’AIACE promuove al tempo stesso l’utilizzo di loghi che indicano l’accessibilità alle proiezioni per persone con disabilità dell’udito e della vista. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@scrittoio.net (Bianca Badialetti).

Stampa questo articolo