La FISH Friuli Venezia Giulia chiede l’Osservatorio Regionale

Tra gli altri temi affrontati dalla FISH Friuli Venezia Giulia (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – ricevuta in audizione dalle proprie Istituzioni Regionali, insieme ad altre organizzazioni, per esprimere una serie di osservazioni sul Disegno di Legge volto a riformare la pianificazione e la programmazione sanitaria e sociosanitaria della Regione – è stata anche evidenziata la necessità non più procrastinabile di costituire l’Osservatorio Regionale sul monitoraggio della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità

Province del Friuli Venezia Giulia con loghi della disabilitàÈ in discussione, in Friuli Venezia Giulia, il Disegno di Legge n. 70 (Riorganizzazione dei livelli di assistenza, norme in materia di pianificazione e programmazione sanitaria e sociosanitaria e modifiche alla Legge Regionale 6/2006 e alla Legge Regionale 26/2015), che, come reca il titolo stesso, dovrebbe modificare le Leggi Regionali 6/06 (Sistema integrato di interventi e servizi per la promozione e la tutela dei diritti di cittadinanza sociale) e 26/15 (Disposizioni in materia di programmazione e contabilità e altre disposizioni finanziarie urgenti).
Anche la FISH Friuli Venezia Giulia (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), insieme ad altre Associazioni, è stata invitata in audizione dalla III Commissione Permanente del Consiglio Regionale (Tutela della Salute, Servizi Sociali, Alimentazione, Immigrazione, Corregionali all’Estero, Previdenza Complementare e Integrativa), per esprimere le proprie osservazioni su quel Disegno di Legge.

Durante l’incontro, cui hanno partecipato Riccardo Riccardi, vicepresidente della Regione e assessore alla Salute, alle Politiche Sociali e alla Disabilità, oltre al presidente della III Commissione Consiliare Ivo Moras, i rappresentanti della FISH hanno sottolineato tra l’altro la necessità di dare maggiore autonomia e capacità economica ai Distretti della Regione e chiesto l’istituzione dei case manager, ciò che è stato garantito dall’assessore Riccardi.
Particolare evidenza, quindi, è stata data all’esigenza di costituire l’Osservatorio Regionale sul monitoraggio della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. «Non ne riteniamo più procrastinabile l’istituzione – si legge infatti in un documento depositato in audizione dalla FISH – poiché esso rappresenta un fondamentale momento di confronto e di dialogo, nonchè una realtà di imprescindibile sintesi tra tutti i soggetti che a vario titolo si occupano di disabilità e tematiche annesse (Pubbliche Amministrazioni, Istituzioni, Federazioni ed Associazioni di e per le persone con disabilità maggiormente rappresentative, Portatori d’Interesse)».

In precedenza la stessa FISH Friuli Venezia Giulia – rappresentata dal presidente Giampiero Licinio, dal consigliere e tesoriere Valter Bevilacqua e da Cristina Schiratti, presidente dell’ANFFAS Friuli Venezia Giulia (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) e consigliera nazionale dell’ANFFAS – aveva partecipato a un incontro preparatorio a Udine, sempre dedicato al Disegno di Legge n. 70, insieme al CoReVol (Comitato Regionale del Volontariato) al Forum del Terzo Settore Regionale e alla Consulta Regionale delle Associazioni delle Persone Disabili e delle loro Famiglie. (S.B.)

A questo link è disponibile il documento presentato dalla FISH Friuli Venezia, con le osservazioni sul Disegno di Legge Regionale n. 70. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: fishfvg@fishonlus.it.

Stampa questo articolo