Il cammino ideale tra progettazione ed esperienza

Verterà sull’individuazione progettuale basata sulle normative vigenti e sulle reali esigenze derivanti sia dall’esperienza professionale che dagli utenti finali, la tavola rotonda del 28 novembre ad Aosta, intitolata “Il cammino ideale tra progettazione ed esperienza. Confronto tra normative ed esigenze reali”, organizzata dall’Associazione FIABA. «Per una più efficace interventistica edilizia – sottolineano infatti i promotori – appare necessario coniugare tali aspetti, con particolare attenzione a chi vive l’esperienza in prima persona, affinché da cammino ideale diventino azione»

Simboli di varie categorie di persone in diverse condizioni di mobilità

Tutte le persone dovrebbero guardare con estrema attenzione all'”Universal Design” (“progettazione universale”), sia per quanto concerne l’edificazione di case, sia in àmbito di prodotti e servizi

Se si parla di concetti come Total Quality e Design for All, ovvero una progettazione realmente per tutti, finalizzata all’inclusione sociale, all’uguaglianza nel rispetto della diversità umana, attenta alle necessità di tutte le persone, le leggi attuali riescono a colmare le esigenze reali dell’utente finale? E quando non è possibile applicare la legge in modo esaustivo l’esperienza può intervenire? E in quale modo?
Partirà da tali quesiti il dibattito che animerà la tavola rotonda intitolata Il cammino ideale tra progettazione ed esperienza. Confronto tra normative ed esigenze reali, organizzata per il pomeriggio di giovedì 28 novembre ad Aosta (Aula Magna dell’ISIT Manzetti, Via Chambery, 105, ore 15) dall’Associazione FIABA.
L’incontro, quindi, verterà per lo più sull’individuazione progettuale basata sulle normative vigenti e sulle reali esigenze derivanti sia dall’esperienza professionale che dal fruitore stesso. «Per una più efficace interventistica edilizia – sottolineano infatti i promotori – appare necessario coniugare tali aspetti, con particolare attenzione a chi vive l’esperienza in prima persona, affinché da cammino ideale diventino azione».

Interverranno per l’occasione – moderati dall’archietto Antonio Di Bene Mauro Baccega e Renzo Testolin, assessori della Regione Autonoma Valle d’Aosta, rispettivamente a Sanità, Salute e Politiche Sociali il primo, ad Attività Produttive e Artigianato il secondo; Fabio Brédy, vicario generale della Diocesi di Aosta; Sergio Togni, Corrado Cavallero e Rémy Vauterin, rispettivamente presidenti, nella Regione Autonoma Valle d’Aosta, dell’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, dell’Ordine degli Ingegneri e del Collegio Regionale dei Geometri e Geometri Laureati; Susanna Occhipinti, dirigente scolastico dell’ISIT Manzetti di Aosta; Giuseppe Trieste, presidente dell’Associazione FIABA.

L’evento sarà anche l’occasione per gli studenti dell’ISIT Manzetti di presentare il loro progetto di abbattimento delle barriere architettoniche, denominato Aosta ensemble. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: paolascarsi.ufficiostampa@gmail.com; ufficiostampa@fiaba.org.

Stampa questo articolo