Esplorare e comprendere la sessualità e l’affettività nella disabilità cognitiva

«Pensiamo che la possibilità di esprimere la propria sessualità e affettività per una persona sia prima di tutto una formidabile risorsa di sviluppo e crescita. Per questo desideriamo aiutare i genitori e chi opera nei diversi settori educativi a prendere in carico questo bisogno e la richiesta che ne deriva»: lo dicono dalla Cooperativa Il Balzo di Rozzano (Milano), presentando l’incontro formativo “Esplorare, significare e comprendere il tema della sessualità e dell’affettività nella disabilità cognitiva”, organizzato per il 25 gennaio e condotto dalla consulente pedagogica Sara Balducci

Due mani intrecciate

«Il tema della sessualità e dell’affettività nella vita di persone con disabilità cognitiva è estremamente attuale, complesso e importante. Il dibattito è ricco di nuovi stimoli e più aumenta la consapevolezza di questo bisogno fondamentale della vita dell’individuo, più si percepisce con urgenza il bisogno di prendersene cura. Pensiamo infatti che la possibilità di esprimere la propria sessualità e affettività per una persona sia prima di tutto una formidabile risorsa di sviluppo e crescita. Per questo desideriamo aiutare i genitori e chi opera nei diversi settori educativi a prendere in carico questo bisogno e la richiesta che ne deriva».
Viene presentato così, dalla Cooperativa Sociale Il Balzo di Rozzano (Milano), l’incontro formativo gratuito intitolato Esplorare, significare e comprendere il tema della sessualità e dell’affettività nella disabilità cognitiva, organizzato per la mattinata di sabato 25 gennaio presso la propria sede (Via Roma, 89, Rozzano, ore 10-12) e condotto dalla consulente pedagogica Sara Balducci.

«Sarà un incontro con le famiglie utile ad affrontare insieme difficoltà e potenzialità – aggiungono i promotori dell’iniziativa -, cercando di accrescere la propria consapevolezza, condividere pensieri, fatiche ed esperienze vissute, riconoscere le proprie modalità di intervento, accogliere punti di vista differenti sulla questione e promuovere alternative possibili». (S.B.)

Per iscriversi all incontro (gratuitamente) accedere a questo link. Per ulteriori informazioni: info@ilbalzo.com.

Stampa questo articolo