La progettazione personalizzata e i diritti delle persone con disabilità

«La piena inclusione è un diritto fondamentale delle persone con disabilità, e per raggiungerlo è indispensabile formare operatori sociali con specifiche competenze professionali. Con questo Master intendiamo contribuire alla creazione di un contesto sociale che consenta loro di partecipare attivamente alla vita della comunità»: a dirlo è David Benassi, direttore del nuovo Master “La progettazione personalizzata e i diritti delle persone con disabilità”, promosso dall’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con la Federazione LEDHA, che prenderà il via all’inizio di aprile

Elaborazione grafica basata su varie parole (al centro "disabilità")«La piena inclusione è un diritto fondamentale delle persone con disabilità, e per raggiungerlo è indispensabile formare operatori sociali con specifiche competenze professionali. Il nostro Ateneo è fortemente impegnato sul tema dei diritti delle persone con disabilità, e con questo Master intendiamo contribuire alla creazione di un contesto sociale che consenta loro di partecipare attivamente alla vita della comunità»: così David Benassi, presenta il nuovo Master denominato La progettazione personalizzata e i diritti delle persone con disabilità, da lui stesso diretto, iniziativa promossa dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione, oltreché con la LEDHA, la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità che costituisce la componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

Rivolto ad assistenti sociali, educatori professionali, psicologi, leader associativi, amministratori pubblici, ma anche alle persone con disabilità e ai loro familiari, questo Master di Primo Livello – che prenderà il via il 3 aprile prossimo – si pone dunque l’obiettivo di consentire l’inserimento nella società di tutte le persone con disabilità, evitando ogni forma di isolamento. A tal proposito, i partecipanti acquisiranno competenze culturali e tecniche per un approccio alla disabilità basato sui diritti umani, approfondendo in particolare i temi del diritto alla vita indipendente, all’inclusione sociale e al miglioramento della qualità della vita, considerati come princìpi regolatori delle nuove politiche di welfare sociale per le persone con disabilità.
Accanto poi alla didattica frontale e alle esercitazioni, sono previsti momenti di incontro con testimoni privilegiati e la conoscenza diretta delle esperienze maggiormente significative già in atto, sia in Italia che all’estero.

«La formazione degli operatori sociali e di tutte le figure responsabili della presa in carico di persone con disabilità – sottolinea Alessandro Manfredi, presidente della LEDHA – rappresenta una sfida cruciale, non solo per i singoli, ma per il sistema di welfare nel suo complesso. Pertanto la formazione di una classe di operatori sociali formati sui diritti delle persone con disabilità e sull’importanza della progettazione personalizzata rappresenta un passo fondamentale per dare corretta attuazione ai princìpi sanciti dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità». (S.B.)

Le attività del Master promosso all’Università Milano-Bicocca inizieranno il 3 aprile prossimo e termineranno il 27 marzo 2021. Sono previste 336 ore tra lezioni in aula e esercitazioni e 300 ore di stage o project work. Le lezioni e le esercitazioni si terranno il venerdì (intera giornata) e il sabato mattina. I destinatari sono laureati triennali e magistrali. La quota d’iscrizione (2.500 euro) comprende la frequenza a tutte le attività, il tutoraggio, lo stage, e il materiale didattico utile ai fini del corso. Sono ammessi uditori con una quota di partecipazione di euro 1.000. Le iscrizioni si chiuderanno il 21 febbraio prossimo.
Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@ledha.it.

Stampa questo articolo