Un premio al buon giornalismo di impegno sociale

Un riconoscimento a quei giornalisti o studenti di giornalismo che abbiano affrontato tematiche importanti per la diffusione dei valori etici della professione, parlando di diritti umani, di superamento di tutte le barriere, di pari opportunità, di femminicidio, di bullismo e cyberbullismo, di integrazione sociale, di nuove povertà o di convivenza civile: è questo il 9° Premio “Angelo Maria Palmieri”, promosso dall’Associazione FIABA, in collaborazione con l’Associazione Culturale Angelo Maria Palmieri e con l’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo, cui si potrà partecipare fino al 15 aprile

Computer, blocco per gli appunti e pennaÈ giunto alla sua nona edizione il Premio “Angelo Maria Palmieri”, iniziativa dedicata al giovane giornalista marsicano prematuramente scomparso, promossa dall’Associazione FIABA – di cui Palmieri guidò l’Ufficio Stampa -, in collaborazione con l’Associazione Culturale Angelo Maria Palmieri e con l’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo.
Destinatari del concorso – cui si potrà partecipare fino al 15 aprile, con articoli e/o servizi radiotelevisivi pubblicati o trasmessi tra il 16 marzo 2019 e il 30 marzo 2020 – sono giornalisti professionisti, pubblicisti o praticanti, oltreché gli studenti iscritti alle scuole e ai master di giornalismo riconosciuti dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti.
Come spiegano da FIABA, «il concorso è ispirato ai medesimi valori che hanno contraddistinto la vita di Angelo Maria Palmieri, ovvero la correttezza e l’obiettività nell’informazione, uniti all’impegno sociale. Saranno infatti premiati i primi tre migliori articoli o servizi radiotelevisivi che abbiano affrontato tematiche importanti per la diffusione dei valori etici della professione, come la tutela dei diritti umani, il superamento di tutte le barriere, le pari opportunità, il femminicidio, il bullismo e cyberbullismo, l’integrazione sociale, le nuove povertà, la convivenza civile». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@fiaba.org; paolascarsi.ufficiostampa@gmail.com.

Stampa questo articolo