Una convenzione, in Toscana, per favorire il lavoro delle persone con disabilità

«Questa convenzione integra e amplia gli strumenti già in uso ai servizi per il collocamento mirato, favorendo l’inserimento lavorativo di soggetti con disabilità che presentano particolari difficoltà di integrazione in contesti lavorativi ordinari, attraverso un progetto personalizzato di inserimento»: lo ha dichiarato l’assessora della Regione Toscana Cristina Grieco, a proposito della convenzione firmata nei giorni scorsi dall’ARTI (Agenzia Regionale Toscana per l’Impiego) e sottoscritta dalle organizzazioni dei datori di lavoro, dei lavoratori e delle cooperative

Giovane in carrozzina lavora al computer«Questa convenzione è uno strumento che integra e amplia quelli già in uso ai servizi per il collocamento mirato, favorendo l’inserimento lavorativo di soggetti con disabilità che presentano particolari difficoltà di integrazione in contesti lavorativi ordinari, attraverso un progetto personalizzato di inserimento».
Lo ha dichiarato Cristina Grieco, assessora della Regione Toscana al Lavoro, alla Formazione e all’Istruzione, come si legge nel portale regionale Toscana Accessibile, a proposito della convenzione firmata nei giorni scorsi dall’ARTI (Agenzia Regionale Toscana per l’Impiego) e sottoscritta dalle più rappresentative organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori, oltreché dalle associazioni di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative, con l’obiettivo, appunto, di favorire l’inserimento dei lavoratori svantaggiati e con disabilità nel mondo del lavoro.
«La convenzione – ha aggiunto Grieco – favorisce tra l’altro l’inserimento di persone con disabilità con l’obiettivo prioritario della stabilizzazione del rapporto di lavoro. Una volta infatti sottoscritta da parti sociali ed economiche, la convenzione stessa potrà essere fatta propria dalle imprese conferenti e dalla cooperativa destinataria». (S.B.)

Ringraziamo per la segnalazione Informare un’H-Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (Pisa).

Stampa questo articolo