Non permettiamo ai disturbi uditivi di limitarci!

Oggi, 3 marzo, è la V Giornata Mondiale dell’Udito, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, e pur con semplicità, vista la coincidenza con questo periodo di emergenza sanitaria globale, ma con fermezza, l’APIC (Associazione Portatori Impianto Cocleare) intende ricordarne il tema che è «L’Udito per la vita: non permettiamo ai disturbi uditivi di limitarci!». Ovvero, in altre parole, «Superare la sordità è possibile!»

Manifesto della Giornata Mondiale dell'Udito, 3 marzo 2020

Il manifesto ufficiale della Giornata Mondiale dell’Udito di oggi, 3 marzo (“World Haering Day”)

Oggi, 3 marzo, è la V Giornata Mondiale dell’Udito, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, e pur con semplicità, vista la coincidenza con questo periodo di emergenza sanitaria globale, ma con fermezza, l’APIC (Associazione Portatori Impianto Cocleare) intende ricordarne il tema che è «L’Udito per la vita: non permettiamo ai disturbi uditivi di limitarci!».

A tal proposito, l’Associazione torinese vuole anche far proprie le parole pronunciate per l’occasione da Michael Schwaninger, componente del Consiglio Direttivo dell’Associazione Tedesca per l’Impianto Cocleare, che ha dichiarato: «Il tema scelto quest’anno per la Giornata Mondiale dell’Udito incoraggia ognuno di noi a non dare per scontato il buon udito, ma a proteggerlo. E tuttavia, se c’è già un problema, è essenziale rimanere “sul pezzo” e ricordare che gli apparecchi acustici e gli impianti cocleari non sono più uno stigma, soprattutto sul posto di lavoro!».
In altre parole, come sottolinea una volta di più l’APIC, «Superare la sordità è possibile!». (S.B.)

A questo link è disponibile un’infografica (in italiano), curata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dedicata all’udito e all’ipoacusia. Per ulteriori informazioni: info@apic.torino.it.

Stampa questo articolo