Marche: garantire il sostegno domiciliare nelle forme adeguate ai bisogni

«La chiusura dei centri diurni sociosanitari delle Marche riguarda circa 2.300 utenti (anziani, demenze, salute mentale, disabilità), tutte persone e nuclei familiari nella gran parte dei casi in situazione di estrema fragilità. Vi chiediamo dunque di attivarvi nei confronti dei Comuni e dei Servizi Distrettuali, affinché le persone che hanno necessità ricevano sostegno domiciliare nelle forme adeguate al loro bisogno»: lo ha scritto il Gruppo Solidarietà in una lettera inviata al Presidente, al Direttore del Servizio Salute e al Direttore del Servizio Politiche Sociali della propria Regione

Uomo con disabilità davanti a una finestra con grata«La chiusura dei centri diurni sociosanitari prevista dall’Ordinanza n. 4/20 del Presidente di Giunta della Regione Marche riguarda circa 2.300 utenti (anziani, demenze, salute mentale, disabilità), tutte persone e nuclei familiari che nella gran parte dei casi sono in situazione di estrema fragilità. Sia dunque con riferimento ai contenuti di tale Ordinanza, che a quelli presenti nell’articolo 9 del Decreto Legge 14/20 (Disposizioni urgenti per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all’emergenza COVID-19), vi chiediamo di attivarvi nei confronti dei Comuni e dei Servizi Distrettuali, affinché le persone che hanno necessità ricevano sostegno domiciliare nelle forme adeguate al loro bisogno»: lo scrive il Gruppo Solidarietà in una lettera indirizzata al Presidente, al Direttore del Servizio Salute e al Direttore del Servizio Politiche Sociali della Regione Marche.
«Insieme alle altre misure riguardanti tutta la popolazione – scrive ancora il Gruppo Solidarietà – il periodo prolungato di chiusura dei servizi può produrre effetti particolarmente gravi: infatti, alle necessità di assistenza e cura, un prolungato periodo di solitudine e isolamento può determinare effetti molto pesanti sulle persone e sul nucleo familiare». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: grusol@grusol.it.

Stampa questo articolo