La subacquea delle persone con disabilità, che ha tanta voglia di ripartire

«Forti di una storia unica che viene da lontano, in tanti anni abbiamo portato sott’acqua migliaia di persone con disabilità, all’insegna della condivisione e della solidarietà. Ora vediamo il futuro con ottimismo e con tanta voglia di ripartire, dando spazio, per il momento, alla formazione a distanza, per dare sempre maggior possibilità di partecipazione di qualità a chi desidera vivere appieno il mare sopra e sotto, indipendentemente dalla propria disabilità»: a dirlo è Aldo Torti, fondatore e presidente di HSA Italia, l’Associazione Nazionale Attività Subacquee e Natatorie per Disabili

Persona con disabilità al mare, durante un'iniziativa di HSA Italia

Una persona con disabilità al mare, durante un’iniziativa di HSA Italia

Si era alla fine degli Anni Ottanta, quando Aldo Torti, che già aveva alle spalle molti anni di attività nella formazione subacquea, nel nuoto e nell’acquaticità anche per le persone con disabilità, comprese la necessità di dare a questo libero movimento forza, consistenza, credibilità e sicurezza. Egli fondò così, insieme a diversi amici, la componente nazionale dell’Associazione Nazionale Attività Subacquee e Natatorie per Disabili, ovvero HSA Italia, di cui è a tutt’oggi Presidente, organizzazione delle cui attività anche «Superando.it» ha occasione di occuparsi molto frequentemente (a questo link si può leggere una breve storia di HSA Italia).
Si tratta, segnatamente di iniziative che vivono la loro massima espressione all’aria aperta negli scenari marini oppure in piscine predisposte adeguatamente. Proprio tutto quello che in questo momento non si può fare, a causa dell’emergenza sociosanitaria legata al coronavirus. Ne abbiamo parlato con lo stesso Aldo Torti.

HSA Italia basa molte delle sue attività sulle iniziative all’aria aperta negli scenari marini oppure in accoglienti piscine, dove il contatto tra le persone con e senza disabilità è spesso ravvicinato e diventa parte della realizzazione di un progetto inclusivo. Come ci si pone ora di fronte a una situazione che chiede di usare cautele e la maggior distanza sociale possibile?
«Con senso di responsabilità, abbiamo comunicato la sospensione di parte delle nostre attività per l’emergenza sanitaria da Covid-19, quelle cioè che prevedono contatti diretti fra le persone. Crediamo che capirlo sia stato un segno di grande rispetto e aiuto anche nei confronti del personale sanitario che in prima linea sta affrontando questa emergenza.
Continuiamo però a restare in contatto con la nostra gente: c’è infatti un passaparola in corso fra i Coordinatori Regionali e i Trainer HSA, riceviamo messaggi di vicinanza dalle Associazioni di e per persone con disabilità, dalle Scuole di Subacquea HSA sul territorio, dalle Guide, dagli Istruttori e dagli accompagnatori a tutti i livelli, oltreché dalla grande rete di sostenitori e strutture locali che partecipano ai nostri progetti Subacquea Zero Barriere. Ognuno ha condiviso con noi la situazione».

Quali sono, quindi, i programmi alternativi messi in campo?
«Abbiamo messo in campo un programma agevolato e semplice per la formazione a distanza, grazie alla nostra innovativa piattaforma online Training HSA, disponibile a tutti quelli che vogliano avvicinarsi e scoprire il fantastico mondo della subacquea per tutti e comprenderne le tecniche di immersione, le accessibilità e le fruibilità acquatiche e marine, gli adattamenti alle attrezzature subacquee, le possibilità di sviluppare turismo accessibile.
Tutte le persone con disabilità, subacquei e non, istruttori, guide, vi possono accedere con semplicità comodamente da casa e scoprire, acquisire informazioni di qualità sulle attività subacquee adattate e per tutti. Una crescita culturale e professionale che arricchisce anche chi è in questo settore da anni. Ogni persona che vi accede, inoltre, può contare su un qualificato tutor che lo informa e lo segue passo dopo passo nel suo apprendimento. Abbiamo già registrato un aumento delle iscrizioni al portale e siamo a disposizione per ogni informazione in merito (info@hsaitalia.it).
E ancora, stiamo revisionando i libri Subacquea e Disabilità e Un mare per tutti che ho personalmente pubblicato ormai parecchi anni fa (il secondo insieme a mio figlio Stefano), per una possibile ristampa.
Siamo insomma molto attivi nei contatti e diamo sostegno là dove c’è bisogno. A tal proposito abbiamo rimodulato le nostre tante iniziative in programma e riceviamo continui incoraggiamenti, perché c’è tanta voglia di ricominciare. Noi siamo pronti con tutto il nostro qualificato team e reticolo organizzativo per ripartire alla grande!».

Persone con disabilità in piscina, insieme agli istruttori di HSA Italia

Altre persone con disabilità in piscina, insieme agli istruttori di HSA Italia

Cosa si sente di dire, a questo punto, una persona come Aldo Torti, alla luce della sua lunga, lunghissima esperienza “sul campo”?
«Da oltre trentacinque anni trasformiamo le disabilità in nuove abilità acquatiche e subacquee. La subacquea, oltre alle attività in acqua, vuole dire viaggi, vacanze alla scoperta di nuove destinazioni, scelta delle attrezzature, dei compagni di immersione, e molto altro. Sappiamo quanto la condivisione delle esperienze sia importante sempre e in particolare nei momenti di difficoltà come in queste settimane; ne abbiamo testimonianza da anni, là dove si sviluppano le attività pratiche, nei nostri eventi, negli incontri in acqua e sott’acqua in scenari acquatici e marini, gestiti dai nostri bravi Educatori HSA. La voglia di ritrovarsi è tanta, di progettare future attività, e di tornare a volteggiare insieme in acqua, fra le mille bolle blu.
Le nostre iniziative sviluppano integrazione, entusiasmo, crescita culturale e allegria per tutti i partecipanti. La subacquea, infatti, è un’attività che va condivisa da subito, già nei primi approcci nell’indossare le attrezzature sub, la maschera, la muta. In ogni piccola azione ci si aiuta a vicenda e nasce una solidarietà spontanea, spesso consolidando conoscenze e amicizie.
La subacquea si pratica solitamente in scenari naturali fortemente attrattivi. I nostri Educatori vi partecipano con entusiasmo, si mettono a disposizione, collaborano, con la soddisfazione di essere ripagati da un sorriso, una stretta di mano, un abbraccio, un grazie… Ed è appunto grazie a loro che in tanti anni di attività abbiamo potuto portare sott’acqua migliaia di persone con disabilità.
Ebbene, se tutto questo è diventato possibile e si concretizza ogni volta, è perché nella nostra gente c’è qualcosa che va oltre la narrazione delle cose, oltre le capacità di addestramento, qualcosa che condivido con loro da tempo e che si chiama solidarietà!
Conoscendo a fondo da anni le tante anime che costituiscono il nostro ampio e consolidato movimento, so che questa bella e spontanea solidarietà, associata alla grande competenza della nostra gente, non verrà meno in questi momenti difficili che stiamo vivendo. Forti di una storia unica che viene da lontano, fin dagli inizi degli Anni Ottanta, vediamo il futuro con ottimismo e innoviamo continuamente per dare sempre maggior possibilità di partecipazione di qualità a chi desidera vivere appieno il mare sopra e sotto, indipendentemente dalla propria disabilità». (Patrizia De Santo)

Presidente di HSA Italia (dell’Associazione Nazionale Attività Subacquee e Natatorie per Disabili).

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Patrizia De Santo (info@patriziadesantopr.it).

Stampa questo articolo