Restiamo a casa e… raccontiamo l’autismo

Si chiama “Restiamo a casa e… raccontiamo l’autismo”, l’iniziativa promossa dall’ANGSA di Sassari (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) e destinata agli studenti che – seguendo da casa la didattica a distanza – stanno affrontando con i propri insegnanti le tematiche legate alle persone con disturbo dello spettro autistico. Per tutto questo mese di aprile, dunque, gli alunni possono inviare all’Associazione un disegno, una poesia o una lettera, che verrà pubblicato sulla pagina Facebook dell’Associazione stessa

Ragazzo con autismo

Un ragazzo con autismo

Oltre naturalmente a sostenere anch’essa, come tutta l’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), la campagna di raccolta fondi per la ricerca scientifica sull’autismo, promossa fino al 12 aprile dalla FIA (Fondazione Italiana Autismo; numero solidale 45588), ciò di cui abbiamo ampiamente riferito nei giorni scorsi anche sulle nostre pagine, l’ANGSA di Sassari informa che in questo mese di aprile sta dando vita all’iniziativa denominata Restiamo a casa e… raccontiamo l’autismo, destinata agli studenti che – seguendo da casa la didattica a distanza – stanno affrontando con i propri insegnanti le tematiche legate alle persone con disturbo dello spettro autistico.
Per tutto il mese, dunque, gli alunni hanno la possibilità di inviare un elaborato (disegno, poesia, lettera) alla stessa ANGSA di Sassari (angsassarionlus@gmail.com), che verrà pubblicato sulla pagina Facebook dell’Associazione, «con l’obiettivo – come spiega la presidente Giovanna Tuffu – di favorirne la riflessione e incentivarne e svilupparne le capacità creative, raccogliendone le testimonianze e dando voce alle loro impressioni». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: angsassarionlus@gmail.com.

Stampa questo articolo