L’Istituto Riabilitativo Montecatone non vuole lasciare solo nessuno

L’Istituto Riabilitativo Montecatone di Imola (Bologna), la nota struttura specializzata per la riabilitazione delle persone con lesione midollare e/o con grave cerebrolesione acquisita, ha dato vita all’iniziativa denominata “#nonlasciaresolonessuno”, per consentire a pazienti, caregiver, familiari e operatori sanitari del proprio territorio, di restare in contatto con gli specialisti dell’Istituto, tramite telefono, mail, Skype o Google Hangouts, nonostante la chiusura temporanea delle attività di day hospital e ambulatoriali, attuata per contrastare la diffusione del coronavirus

Ospedale Montecatone di Imola (Bologna)

L’Istituto Riabilitativo Montecatone di Imola (Bologna)

«La nostra priorità è offrire continuità assistenziale ai nostri pazienti e a chi si sta prendendo cura di loro»: a dirlo è Mario Tubertini, direttore generale dell’Istituto Riabilitativo Montecatone di Imola (Bologna), la nota struttura specializzata per la riabilitazione delle persone con lesione midollare e/o con grave cerebrolesione acquisita, che a tal proposito ha dato vita all’iniziativa denominata #nonlasciaresolonessuno, per consentire a pazienti, caregiver, familiari e operatori sanitari del proprio territorio, di restare in contatto con l’Istituto, nonostante la chiusura temporanea delle attività di day hospital e ambulatoriali, attuata per contrastare la diffusione del coronavirus.
Per essere dunque contattati dagli specialisti di Montecatone, tramite telefono, mail, Skype o Google Hangouts, è sufficiente compilare uno specifico form predisposto per l’occasione (disponibile a questo link). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa Montecatone (Vito Colamarino), vito.colamarino@montecatone.com.

Stampa questo articolo