Si rafforza il Garante delle persone private della libertà personale

È una struttura importante anche per i diritti delle persone con disabilità, quella del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, come si è visto durante l’emergenza coronavirus, che ha visto tale Ufficio mettere in luce, prima e più di altri, le drammatiche conseguenze del contagio nelle strutture residenziali e sociosanitarie. Marciano ora sulla strada di un rafforzamento dell’Ufficio stesso, le procedure di selezione riguardanti il Comparto Sanità, volte ad acquisire tre figure provenienti dagli Enti del Servizio Sanitario Nazionale

Persona in carrozzina fotografata di spalle davanti a una vetratan

Il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale è un importante punto di riferimento anche rispetto alla segregazione delle persone con disabilità

È certamente una struttura molto importante anche per i diritti delle persone con disabilità, quella del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, come ben si è potuto capire durante l’emergenza sociosanitaria causata dal coronavirus, che ha visto tale Ufficio mettere in luce, prima e più di altri, con dettagliati rapporti, le drammatiche conseguenze del contagio nelle strutture residenziali e sociosanitarie dedicate anche a persone con disabilità.
Marciano ora sulla strada del rafforzamento della propria strutture le procedure di selezione riguardanti il Comparto Sanità, volte all’assegnazione presso l’Ufficio di tre figure provenienti dagli Enti del Servizio Sanitario Nazionale (un collaboratore amministrativo-professionale, un assistente amministrativo e un programmatore). (S.B.)

I bandi per le procedure di selezione promosse dal Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale (aperte fino al 31 maggio) sono disponibili rispettivamente a questo e a questo link. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: segreteria@garantenpl.it.

Stampa questo articolo