Supporto psicologico alle famiglie di persone con autismo

Si chiama “A casa, ma insieme” il progetto promosso dall’Associazione L’Ortica di Milano, realizzato con il contributo della Fondazione Comunitaria di Milano, che offre uno Sportello gratuito di sostegno psicologico, per ascoltare e sostenere le famiglie di persone con autismo medio-grave nell’affrontare le emozioni e i nodi che hanno accompagnato quest’epoca di pandemia. Lo Sportello offre da una parte colloqui individuali con le coppie genitoriali (o il singolo genitore), dall’altra colloqui di gruppo, tutti curati da una figura di professionista/psicologo

Giovane con disturbo dello spettro autistico

Un giovane con disturbo dello spettro autistico

Si chiama A casa, ma insieme il progetto promosso dall’Associazione L’Ortica di Milano, realizzato con il contributo della Fondazione Comunitaria di Milano, che offre uno Sportello di sostegno psicologico, per ascoltare e sostenere le famiglie di persone con autismo medio-grave nell’affrontare le emozioni e i nodi che hanno accompagnato quest’epoca di pandemia.
Del tutto gratuito, lo Sportello offre un duplice servizio integrato, ovvero da una parte colloqui individuali con le coppie genitoriali (o il singolo genitore), dall’altra colloqui di gruppo, tutti curati da una figura di professionista/psicologo. Il modello di intervento prevede la partecipazione ad entrambi i momenti di supporto, eventualmente integrabili con incontri che coinvolgano, dove possibile, gli stessi giovani con autismo.
«Si tratta di un aiuto – spiegano i promotori dell’iniziativa – per affrontare questo lungo periodo di allontanamento dalle attività quotidiane e fronteggiare al meglio l’emergenza sanitaria».
Associazione di Promozione Sociale e Solidarietà Familiare, L’Ortica è nata per rispondere ai molteplici bisogni esistenti ed emergenti in àmbito di autismo, valorizzando la dignità di ogni persona attraverso la partecipazione a una vita sociale e lavorativa il più possibile gratificante. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Isabella Ippoliti (ippolitiisabella@gmail.com).

Stampa questo articolo