Tutti i diritti come gli altri? Una web serie per interrogare e interrogarsi

Prenderà il via il 15 giugno la web serie “All Rights?” (“Tutti i diritti?”), a cura del Centro Studi DIVI (Diritti e Vita Indipendente) dell’Università di Torino e del CEPIM Asti, su ideazione e realizzazione di Alessandro Salvatore. «Le persone con disabilità hanno gli stessi diritti degli altri?»: è questa la domanda di partenza dell’interessante iniziativa, sulla quale si interrogano alcuni addetti ai lavori, guardando in particolare all’attuazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità in Italia, tra nuove pratiche e vecchi paradigmi culturali tuttora resistenti

Poster USA con il testo "Disability Rights are Human Rights"

Un poster realizzato negli Stati Uniti, con la scritta “Disability Rights are Human Rights”, ovvero “I diritti delle persone con disabilità sono diritti umani”

Ma le persone con disabilità hanno gli stessi diritti di tutti gli altri? Parte da questa domanda fondamentale, per cercare risposte non scontate, All Rights? , ovvero appunto “Tutti i diritti?”, una nuova web serie realizzata dal DIVI, il Centro Studi Interdipartimentale per i Diritti e la Vita Indipendente dell’Università di Torino, costituitosi come gruppo di lavoro all’interno del CIRCE-Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Comunicazione e dal CEPIM Centro Down Asti, su ideazione ed elaborazione del regista Alessandro Salvatore.

Come spiegano i promotori dell’iniziativa, «si tratta di una serie di cinque episodi originali per il web – costruiti sul modello stilistico minimale della serie documentaria The Mind, Explained (Netflix, 2019) – che vedono gli addetti ai lavori interrogarsi in particolare sullo stato di attuazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità in Italia, a dieci anni dalla sua entrata in vigore [Legge 18/09, N.d.R.], tra nuove pratiche e vecchi paradigmi culturali tuttora resistenti. All Rights? intende dunque essere uno strumento agile e di rapida fruizione per persone, famiglie e servizi coinvolti in questo storico processo di cambiamento, offrendo al contempo un glossario introduttivo per studenti o neofiti, grazie alle parole dei protagonisti – registrate prima dell’emergenza coronavirus – e le immagini delle sperimentazioni di vita indipendente attuate sul territorio di Asti nell’ultimo biennio».

Non resta dunque che attendere il 15 giugno, quando andrà in onda la prima puntata della web serie, prevista in contemporanea sui canali social (Facebook e YouTube) del Centro Studi DIVI e del CEPIM Asti, cui seguiranno le altre, a regolare cadenza settimanale. (S.B.)

A questo link è disponibile il trailer della web serie All Rights? A quest’altro link, invece, se ne potranno seguire le puntate. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: centrostudi-divi@unito.it.

Stampa questo articolo