Turismo accessibile: il reale e il virtuale

«Pensare alla dimensione del viaggio e al turismo in un’ottica di accessibilità, grazie alla presenza di servizi e strutture adatte alle specifiche esigenze, è l’occasione per la persona con disabilità di sperimentare indipendenza e autonomia, ampliare le proprie conoscenze e una vita di relazione, e migliorare la qualità della propria vita. L’emergenza di questi mesi ci chiede ora uno sforzo maggiore, quello cioè di trovare anche nuove modalità di “fare turismo”»: così l’Associazione UILDM presenta il seminario in rete “Turismo accessibile: dal reale al virtuale”, promosso per il 25 giugno

Persona in carrozzina in escursione sull'Altopiano di Asiago

Una persona con disabilità motoria in carrozzina, durante un’escursione sull’Altopiano di Asiago

Turismo accessibile: dal reale al virtuale: è questo il titolo dell’interessante seminario in rete (webinar), organizzato per il pomeriggio del 25 giugno (ore 18) dalla UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), che ne presenta così i temi di trattazione: «Viaggiare è un diritto per tutti, a qualsiasi età e condizione. Pensare alla dimensione del viaggio e al turismo in un’ottica di accessibilità, grazie alla presenza di servizi e strutture adatte alle specifiche esigenze, è l’occasione per la persona con disabilità di sperimentare indipendenza e autonomia, ampliare le proprie conoscenze e una vita di relazione, e migliorare la qualità della propria vita. L’emergenza di questi mesi ci chiede sicuramente uno sforzo maggiore, quello cioè di ripensare alla dimensione dei viaggi e degli spostamenti in un’ottica di maggiore tutela e sicurezza, trovando nuove modalità di “fare turismo”».

Dialogheranno dunque insieme, durante il seminario, da una parte Roberto Vitali, fondatore e amministratore delegato di Village for all (V4A®), la nota rete specializzata in turismo accessibile, che proprio recentemente ha pubblicato una nuova edizione della propria Guida alle Vacanze Accessibili (se ne legga anche sulle nostre pagine), dall’altra Davide Dallan, Enrico Filippi, Francesco Pecol ed Erick Simionato, promotori dell’iniziativa Fujitivi, che fa capo all’Associazione Everywhere, progetto video-fotografico che permette di viaggiare virtualmente da Tokyo fino alla vetta del monte Fuji tramite l’uso di videocamere a trecentosessanta gradi. Il tutto con l’obiettivo di dare a chi convive con disabilità o malattie invalidanti l’impressione di essere virtualmente un membro del team e visitare un paese tanto bello quanto lontano come il Giappone.

A coordinare l’incontro – che sarà aperto aprirà da alcune testimonianze di Soci della UILDM – saranno Stefania Pedroni e Michele Adamo, rispettivamente vicepresidente e consigliera nazionale dell’Associazione. (S.B.)

Per partecipare al webinar del 25 giugno, basta collegarsi a questo link tramite la piattaforma GoToMeeting. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uildmcomunicazione@uildm.it (Alessandra Piva).

Stampa questo articolo