“Masterchef Aut”, per andare oltre l’isolamento sociale

Chef stellati, pasticcieri, pizzaioli, ristoratori, tutti coinvolti in “Masterchef Aut”, progetto online dedicato a bambini/e e ragazzi/e con disturbo dello spettro autistico. A promuoverlo è stata la Cooperativa Sociale campana Autismo e ABA, in collaborazione con l’Associazione Per loro solo per loro. «Tanti noti creatori impegnati in cucina – spiegano da Autismo e ABA – disponibili a realizzare piatti semplici, che i bimbi, le bimbe, i ragazzi e le ragazze con autismo dovranno replicare. Ci auguriamo che questa iniziativa sia la svolta che porrà fine al loro isolamento sociale»

Logo dell'iniziativa "Masterchef Aut"Chef stellati, pasticcieri, pizzaioli, ristoratori, tutti coinvolti nel progetto online, all’insegna della gratuità, denominato Masterchef Aut, dedicato a bambini/e e ragazzi/e con disturbo dello spettro autistico. A promuovere l’iniziativa è stata la Cooperativa Sociale campana Autismo e ABA, in collaborazione con l’Associazione Per loro solo per loro di Battipaglia (Salerno) e con il supporto dell’Ufficio Stampa For You Communication.
«Tanti noti creatori impegnati in cucina – spiegano da Autismo e ABA – disponibili a realizzare piatti semplici, che i bimbi, le bimbe, i ragazzi e le ragazze con autismo dovranno replicare sempre online. Lo slogan che abbiamo scelto è #chefanchio, a preconizzare, in un possibile futuro, l’inserimento dei nostri giovani con autismo in laboratori in presenza, insieme agli stessi chef che parteciperanno a Masterchef Aut. Il Covid-19 ha purtroppo limitato molto i nostri ragazzi e ci auguriamo che questa iniziativa sia la svolta che porrà fine al loro isolamento sociale».
Già molti sono gli chef che hanno aderito e la prima testimonial è Fabrizia Ventura, che dirige l’APCI Lazio (Associazione Professionaler Cuochi Italiani). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@autismoeaba.it.

Stampa questo articolo