Indennità e tutele crescenti per i caregiver familiari

«Non abbiamo solo bisogno di una legge, ma di una legge giusta. Per questo chiediamo che nell’àmbito dell’iter parlamentare che dovrà portare alla legge sui caregiver familiari, venga inserita anche un’indennità mensile diretta agli stessi caregiver familiari»: lo dichiarano dal Gruppo Caregiver Familiari Comma 255, nato recentemente dalla volontà di numerosi genitori e congiunti di persone con disabilità grave, allo scopo di dare piena attuazione al riconoscimento di tale figura giuridica, quella appunto del caregiver familiare

Caregiver con persona disabile

Una caregiver familiare, insieme a una persona con disabilità grave

«Non abbiamo solo bisogno di una legge, ma di una legge giusta. A tal proposito, il riavvio dell’iter parlamentare per la legge sui caregiver familiari con il solo testo incardinato (Disegno di Legge 1461, Disposizioni per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare) non ci fa stare tranquilli. È necessario abbinare, infatti, anche il Disegno di Legge 1717 (Disposizioni per l’introduzione di una indennità in favore dei caregiver familiari), che inserisce un’indennità mensile diretta al caregiver familiare, e fare un testo unico»: lo dichiara in una nota Orietta Mariotti, portavoce del Gruppo Caregiver Familiari Comma 255.

«La condizione dei caregiver familiari – aggiunge la Portavoce – non si risolve con dei servizi. Il lockdown, infatti, ha appena mostrato l’inadeguatezza del sistema dei servizi e la solitudine in cui lo Stato ha lasciato queste persone a sostituirsi alla sospensione di tutte le prestazioni alla persona con disabilità. Degli ultimi giorni, infatti, è la cancellazione dal “Decreto Rilancio” del “Bonus Covid-19” ai caregiver familiari, da noi a suo tempo fortemente auspicato [se ne legga anche sulle nostre pagine, N.d.R.]».

«La condizione dei caregiver familiari – conclude Mariotti – colpisce soprattutto le donne, costrette a rinunciare alla propria attività lavorativa anche in nuclei monogenitoriali. Si ripropone pertanto con forza la questione femminile, principio delle pari opportunità, che può essere affrontata solo con l’istituzione per i caregiver familiari di un sistema di indennità e tutele crescenti».

Il Gruppo Caregiver Familiari Comma 255, lo ricordiamo, è nato recentemente dalla volontà di numerosi caregiver familiari, genitori e congiunti di persone con disabilità grave, allo scopo di dare piena attuazione al riconoscimento di tale figura giuridica – quella del caregiver familiare, appunto – introdotta per la prima volta nell’ordinamento italiano dall’articolo 1, comma 255 della Legge 205/17 (Legge di Bilancio per il 2018). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: cgfcomma255@gmail.com.

Stampa questo articolo