Il Molise presenta una segnaletica accessibile, interreligiosa e interculturale

Curate dall’ITRIA (Itinerari Turistico-Religiosi Interculturali ed Accessibili), verranno presentate il 27 agosto tre mappe tattili e altra segnaletica turistica, realizzazioni che saranno poi installate nei Comuni molisani di Petacciato, Campomarino e Montenero di Bisaccia. L’iniziativa – che rientra nell’àmbito del progetto italo-croato “Tourism4All” – è ispirata ai princìpi dell’accessibilità universale ed è stata prodotta in italiano, inglese, ebraico, arabo, braille e arbereshe, lingua, quest’ultima, della minoranza etno-linguistica albanese presente in Italia

Realizzazione tattile curata dall'ITRIA

Una delle realizzazioni tattili curate dall’ITRIA, che verranno presentate il 27 agosto a Petacciato Marina (Campobasso)

Giovedì 27 agosto, nella splendida cornice delle dune di Petacciato Marina (Campobasso), verranno presentate tre mappe tattili ed altra segnaletica turistica che nei giorni successivi verranno installate nei Comuni molisani di Petacciato, Campomarino e Montenero di Bisaccia.
Si tratta di una segnaletica di particolare rilievo culturale, in quanto ispirata ai princìpi dell’accessibilità universale, con scritte, icone e profili in rilievo, caratteri ad alta leggibilità, font senza grazie, contrasti cromatici, icone intuitive, materiali gradevoli al tatto e resistenti agli agenti atmosferici. Nella parte alta, vi vengono ripresi i profili reali delle coste, ma soprattutto vi sono contenute informazioni semplici in italiano, inglese, ebraico, arabo, braille e arbereshe, lingua, quest’ultima, della minoranza etno-linguistica albanese presente in Italia, scelta non a caso, poiché il Comune di Campomarino è proprio uno dei quattro Comuni molisani di origine albanese.
L’ideazione e la progettazione della segnaletica sono state curate dall’ITRIA (Itinerari Turistico-Religiosi Interculturali ed Accessibili), nelle persone del presidente Dino Angelaccio e di Nunzia Lattanzio, coinvolgendo nella realizzazione un’innovativa azienda molisana di Termoli, la Tecnografica3d di Alessandro Lacerenza.

«È la prima volta nel panorama nazionale ed internazionale – sottolinea Angelaccio – che si utilizzano tali caratteristiche ed è veramente lodevole che i Sindaci dei tre Comuni molisani coinvolti, insieme alla Regione Molise e alla CEAM (Conferenza Episcopale Abruzzo e Molise), abbiano voluto una segnaletica che nella progettazione privilegiasse la centralità delle persone indipendentemente dalle loro caratteristiche fisiche, sensoriali, anagrafiche, culturali, linguistiche e religiose. Tutti, quindi, potranno autonomamente e semplicemente utilizzarla anche esplorandola tattilmente, ricordando che oltre a svolgere la funzione di facilitare la comprensione dei luoghi e la mobilità, essa orienta simbolicamente al dialogo e all’accoglienza universali, secondo i princìpi della nostra Carta Costituzionale e della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità».

L’iniziativa rientra nell’àmbito del progetto europeo Tourism4All che vede proprio la Regione Molise come capofila nella promozione di una rete di destinazioni turistiche accessibili, allo scopo di incoraggiare la destagionalizzazione e promuovere l’inclusione sociale, coinvolgendo numerosi partner italiani (Regioni Molise, Veneto e Puglia; Irecoop Veneto; Consorzio Delta 2000; Cooperativa Sociale ODOS) e croati (Associazione Camping Croazia; Città di Buje; Città di Zara; Gal Brac; Università Aspira, Agenzia del turismo di Sebencio; RERA-Istituto per lo Sviluppo della Dalmazia).
«Da sottolineare inoltre – ricorda ancora Angelaccio – che sempre la Regione Molise, insieme al Comune di Castel del Giudice (Isernia) e alla Pastorale Turismo, Sport e Tempo Libero Abruzzo-Molise, guidata da Mario Ialenti, ha anche avviato il progetto Intercultural Molise, sperimentando per la prima volta l’accessibilità universale insieme al multiculturalismo e al dialogo interreligioso, nella realizzazione di un prodotto turistico-culturale capace di raccontare le contaminazioni fra la cultura e la religione cristiana, islamica ed ebraica, attraverso le tracce e la memoria dello sterminato patrimonio culturale materiale ed immateriale presente praticamente in tutte le realtà territoriali».

All’evento di presentazione del 27 agosto parteciperanno Roberto Di Pardo, Francesco Cammilleri e Nicola Travaglini, sindaci rispettivamente di Petacciato, Campomarino e Montenero di Bisaccia, Vincenzo Cotugno, assessore regionale al Turismo del Molise, monsignor Gianfranco De Luca, vescovo della Diocesi di Termoli-Larino, il rabbino emerito Umberto Piperno, nonché un rappresentante della comunità islamica e uno della comunità arbereshe, Pasquale Di Lena, esperto di enogastronomia e Anna Maria Gioria, giornalista e blogger esperta di accessibilità e disabilità, firma anche di «Superando.it». Insieme a loro, naturalmente, i rappresentanti dell’ITRIA e della Tecnografica3d. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: angelacciod@gmail.com.

Stampa questo articolo