Non parcheggiare qui!

È stato recentemente presentato a Taviano (Lecce) il cortometraggio “Don’t Park Here!” (“Non parcheggiare qui!”), realizzato su iniziativa di Cristiana Damiano, Garante della Persona con Disabilità del Comune locale, in collaborazione con l’Associazione Le Ali, iniziativa voluta «per sensibilizzare la comunità – come spiega la stessa Garante – a non compiere azioni che ledano i diritti di chi è più svantaggiato, impedendo a queste persone, specie quando si tratta di bambini e bambine, di poter godere di un grado di libertà comparabile a quello delle altre persone»

Ragazzo con disabilità protagonista del cortometraggio "Don't Park Here!", Taviano (Lecce), agosto 2020

Il ragazzo con disabilità protagonista del cortometraggio “Don’t Park Here!”

È stato presentato il 13 agosto scorso, presso la Marina di Mancaversa a Taviano, in provincia di Lecce, il cortometraggio intitolato Don’t Park Here! (“Non parcheggiare qui!”, disponibile a questo link), realizzato su iniziativa di Cristiana Damiano, Garante della Persona con Disabilità del Comune di Taviano, in collaborazione con la locale Associazione Le Ali e con la partecipazione dell’Associazione Cuore Amico di Lecce, avvalendosi della regia di Luca Melcarne e della voce narrante del noto attore Luca Ward.

«Questo cortometraggio – spiega Damiano – rappresenta la storia di un bambino con disabilità che quotidianamente è impossibilitato a giocare con i suoi compagni perché il posteggio disabili a lui riservato, nei pressi della Piazzetta in cui incontra gli amici, è sempre abusivamente occupato da una persona superficiale e/o incurante, ma soprattutto priva di senso civico. L’epilogo ha un lieto fine perché una delle bimbe, trasformatasi in “supereroina”, riuscirà a imporsi, anche grazie alla presenza di un vigile urbano, dissuadendo l’uomo dal compiere nuovamente l’azione. I bambini, felici di avere ottenuto giustizia, finalmente potranno giocare insieme».

«Si tratta di un progetto – aggiunge la Garante – che ha segnatamente lo scopo di sensibilizzare la comunità a non compiere azioni che ledano i diritti di chi è più svantaggiato, impedendo a queste persone, soprattutto quando si tratta di bambini e bambine, di poter godere di una vita senza privazioni e con un grado di libertà comparabile a quello delle altre persone».

L’iniziativa è stata patrocinata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dal Garante dei Diritti dei Minori della Regione Puglia, dalla Provincia di Lecce, dal Comune di Taviano e dall’Università del Salento. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: garantedisabilitaviano@gmail.com.

Stampa questo articolo