Tornerà all’originario splendore il Mosaico della Pace di Pordenone

Era il 30 settembre 2006, quando nel Parco San Valentino di Pordenone venne inaugurato un grande Mosaico della Pace, progettato dal celebre creatore d’immagini Francesco Tullio Altan e realizzato con migliaia di tessere colorate in vetro dalle persone adulte con autismo inserite nell’Officina dell’Arte della Fondazione Bambini e Autismo, insieme a ben centottanta bambini delle scuole elementari. Ora quell’opera, caratterizzata da un indelebile messaggio di pace e di inclusione, tornerà al suo originario splendore, grazie a un restauro curato dagli stessi realizzatori di allora

Pordenone, restauro del Mosaico della Pace, settembre 2020

Una persona adulta con autismo, impegnata nell’Officina dell’Arte della Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone, lavora al restauro del Mosaico della Pace

Era esattamente il 30 settembre 2006, quando raccontammo sulle nostre pagine dell’inaugurazione, nel Parco San Valentino di Pordenone, del grande Mosaico della Pace, progettato dal celebre creatore d’immagini Francesco Tullio Altan e realizzato con migliaia di tessere colorate in vetro dalle persone con autismo inserite nell’Officina dell’Arte della Fondazione Bambini e Autismo.
«Si trattava – ricordano oggi dalla Fondazione – di un’opera corale pensata per i bambini e realizzata anche dai bambini. Da anni, infatti, imperversavano in Medio Oriente guerre atroci che coinvolgevano sistematicamente anche i civili. Per lanciare dunque un segnale ai più piccoli, immaginando in futuro “un mondo senza guerra”, vennero coinvolte le Istituzioni e il celebre artista Altan che regalò alla nostra Fondazione il disegno da cui fu ricavato il mosaico. Dal canto suo, il Comune di Pordenone mise a disposizione un sito nel Parco San Valentino, mentre l’ANA (Associazione Nazionale Alpini) costruì il muro sul quale è stato poi posato il mosaico. Furono molti i bambini e i privati cittadini che finanziarono l’opera con donazioni anche di pochi centesimi, perché si voleva che in tanti partecipassero e avessero l’orgoglio, crescendo, di poter dire, passando nel parco, “anch’io ho dato il mio contributo!”».

Quell’opera di circa 15 metri quadrati è stata dunque realizzata su rete, come detto, presso l’Officina dell’Arte, il centro lavorativo per persone con autismo adulte della Fondazione Bambini e Autismo, insieme a ben centottanta bambini delle scuole elementari.
In questi quattordici anni,però, le ingiurie del tempo hanno segnatamente “appannato” quest’opera unica, cosicché si sta ora procedendo a un restauro quanto mai necessario, nel quadro della sistemazione del Parco San Valentino voluta dal Comune di Pordenone.
«L’attuale restauro – sottolineano dalla Fondazione pordenonese – riporterà certamente a nuova vita il Mosaico della Pace, per la gioia di molti cittadini e bambini e sicuramente di coloro che ebbero parte attiva in quel progetto». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: relazioniesterne@bambinieautismo.org.

Stampa questo articolo