Sindrome di Down: quali attese nel dialogo con i ricercatori?

Organizzata dall’Università Federico II di Napoli, si terrà quest’anno online, il 16 e 17 ottobre, la nuova edizione (la quarta) del convegno aperto a tutti e a partecipazione gratuita, intitolato “Sindrome di Down. Dalla diagnosi alla terapia”, patrocinato anche dall’AIPD e dal CoorDown. Vi sono previsti tra gli altri la tavola rotonda “Quali sono le attese nel dialogo tra ricercatori, associazioni e familiari di persone Down?” e la presentazione dei primi dati relativi allo studio “Sindrome di Down e Covid-19”, promosso dall’organizzazione internazionale di ricercatori T21RS

Locandina del convegno sulla sindrome di Down del 16 e 17 ottobre 2020Organizzata dall’Università Federico II di Napoli, si terrà quest’anno in forma virtuale, venerdì 16 e sabato 17 ottobre, la nuova edizione (la quarta) del convegno Sindrome di Down. Dalla diagnosi alla terapia, patrocinato tra gli altri dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) e dal CoorDown (Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down).

Rimandando i Lettori al programma completo dell’evento (disponibile a questo link), che sarà a partecipazione gratuita, aperta a tutti e senza necessità di iscrizione, segnaliamo qui la tavola rotonda prevista per sabato 17 (ore 12-13), sul tema Quali sono le attese nel dialogo tra ricercatori, associazioni e familiari di persone Down?, cui interverrà anche Tiziana Grilli, presidente nazionale dell’AIPD, che si soffermerà in particolare sulle attese di tale Associazione nei confronti della comunità scientifica.
«Nel dibattito – viene poi sottolineato dall’AIPD – si parlerà anche di “accendere i fari” sulla sindrome di Down su tutti i livelli di ricerca e di cura in senso lato, facendo rete tra quanti sono impegnati in tutti i campi sia a livello nazionale che internazionale. Naturalmente con la partecipazione attiva delle famiglie espressione diretta dei portatori dei bisogni».

Nel pomeriggio di venerdì 16, invece, la pediatra dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma Diletta Valentini presenterà i primi dati dello studio Sindrome di Down e Covid-19, promosso dall’organizzazione internazionale di ricercatori sulla sindrome di Down T21RS (Trisomy 21 Research Society) e basato principalmente su un questionario cui anche il nostro giornale aveva dato diffusione nell’estate scorsa. (S.B.)

Ringraziamo per la collaborazione l’AIPD Nazionale (Associazione Italiana Persone Down).

Le modalità per partecipare (gratuitamente) al convegno Sindrome di Down. Dalla diagnosi alla terapia sono disponibili a questo link. Per ulteriori informazioni: ufficiostampaaipd@gmail.com.

Stampa questo articolo